•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 20 settembre, 2013

articolo scritto da:

Germania, la Merkel appesa ai partiti minori

rassegna stampa estera

Per vincere, d’accordo, serve almeno un voto in più: non c’è dubbio che domenica in Germania tra Angela Merkel e Peer Steinbrueck andrà in scena un duello voto per voto in ogni seggio.

La cancelliera uscente, peraltro, non è certo in difficoltà nei sondaggi e si appresta a vedere confermato il proprio partito – la Cdu – nel ruolo di forza politica tedesca che gode del maggiore consenso.

E’ probabile che il principale sfidante della Merkel sia mentalmente pronto a una sconfitta annunciata (almeno in termini assoluti), ma frau Merkel non dorme sonni tranquilli.

Lei sa infatti che la Cdu non potrà comunque ottenere tutti i seggi necessari per configurare da sola una maggioranza al Bundestag (ossia la camera che rappresenta i cittadini e non le entità territoriali tedesche), né basteranno i bavaresi “gemelli” della Csu: dovrà necessariamente appoggiarsi ad altre forze per ottenere la maggioranza assoluta e formare il suo esecutivo.

angela merkel

Gli occhi, in particolare, sono puntati anche questa volta sul risultato che sarà in grado di ottenere il Partito liberale – Fdp – che da sempre si è posto nei confronti degli elettori come strenuo difensore dell’economia di libero mercato, più ancora di quanto non abbiano fatto i democratici cristiani della Cdu.

La sua collocazione è variata nel tempo: grazie ai suoi consensi, infatti, ha favorito la nascita di compagini di governo. In particolare, nel 1982 aveva permesso a Helmut Kohl di guidare il suo primo esecutivo da cancelliere, un ruolo che avrebbe mantenuto per ben sedici anni; per sostenere quell’esperienza di governo, tuttavia, ha sciolto l’alleanza con l’Spd che era in corso prima.

Certamente nel tempo la Fdp ha variato notevolmente il suo consenso: se nel 2009 aveva ottenuto un ottimo 14%, in seguito era scesa fino allo zoccolo minimo di due punti percentuali, mentre ora è su percentuali superiori ma lontane dai fasti. Alle ultime elezioni in Baviera, infatti, a fronte della maggioranza assoluta conquistata dalla Csu (cosa che ovviamente piace ai democratici cristiani), i liberali della Fdp sono finiti al 3,2%, calando di quasi 5 punti rispetto al risultato del 2008.

Considerando che la soglia di sbarramento federale è del 5%, i timori che la Fdp non riesca a superarla – restando dunque fuori dal Bundestag – sono più che fondati; qualora non riuscisse nell’intento, probabilmente la Merkel dovrà considerare di nuovo l’ipotesi della “grande coalizione” con i socialdemocratici dell’Spd.

Gabriele Maestri

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento