•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 20 settembre, 2013

articolo scritto da:

Pd: l’assemblea c’è, l’accordo sulle regole no

L’Assemblea nazionale del Partito democratico sta per aprirsi, ma quando il segretario Guglielmo Epifani aprirà i lavori della due giorni, lo farà senza che si sia trovato un accordo sui tempi che il percorso del congresso dovrà avere, né su alcune tra le regole fondamentali dell’assise nazionale. Le divergenze interne al Pd, soprattutto tra il gruppo vicino a Matteo Renzi e i rappresentanti vicini all’ex segretario Pierluigi Bersani  non si sono composte.

Tutto è pronto presso l’Auditorium di via della Conciliazione: una luce blu quasi surreale avvolge il palco della presidenza dell’Assemblea, ma potrebbe dover slittare a domani mattina l’intervento dell’europarlamentare Roberto Gualtieri. Lo stesso Epifani aveva incaricato affinché trovasse una mediazione utile che permettesse di arrivare all’appuntamento di oggi con un canovaccio di regole e date per disegnare il nuovo Pd. almeno in parte da definire.

Qualcuno è pronto a giurare che, pur di arrivare già oggi a una decisione di massima sui tempi, il segretario Epifani nel suo discorso potrebbe cercare di dare un segnale chiaro, proponendo ai componenti dell’Assemblea nazionale che l’elezione del segretario nazionale si svolga il 15 dicembre. L’idea è condivisa soprattutto dagli ex sostenitori di Bersani che ora si riconoscono in gran parte in Gianni Cuperlo, ma continua a non piacere ai renziani, che spingono per il 24 novembre e sono disposti al più a slittare al 1° dicembre.

guglielmo epifani partito democratico

Nel frattempo, chi arriva all’Auditorium della Conciliazione, oltre ad essere occupato a pensare agli altri problemi di regole (soprattutto la coincidenza tra segretario del partito e candidato alla premiership e tempi dei congressi regionali), deve anche affrontare la protesta dei militanti delle associazioni Lgbt: proprio davanti alla sede dell’Assemblea, manifestano contro l’emendamento Gitti alla legge sull’omofobia che non applicherebbe l’aggravante della “legge Mancino” a una dichiarazione omofoba espressa all’interno di un’associazione, compresi i partiti e le confessioni religiose.

“L’emendamento è un’offesa agli omosessuali di questo paese: ancora una volta per un problema interno al Pd, cioè concedere ai cattolici il salva vescovi, è stato trovato un compromesso al ribasso” ha dichiarato il presidente di Equality Aurelio Mancuso, che aggiunge: “”Ivan Scalfarotto si e’ reso complice politicamente di una operazione che rappresenta uno schiaffo agli omosessuali di questo Paese”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento