•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 24 settembre, 2013

articolo scritto da:

Tasse e politica: l’allarme delle imprese del Lazio

Federlazio

Pessimismo diffuso, stanchezza, la sensazione che l’immediato futuro continuerà ad essere complicato: gli imprenditori del Lazio tracciano un quadro dettagliato della condizione economica nella regione e chiedono alla politica risposte efficaci e tempestive.

A condurre l’indagine è stata Federlazio, l’associazione delle piccole e medie imprese della regione. Lo studio fotografa la situazione vissuta nella prima metà di quest’anno da 350 Pmi, analizzando ciò che vedono per il futuro e quali interventi metterebbero all’ordine del giorno.

Per i prossimi sei mesi gli imprenditori della regione si aspettano una situazione molto complessa: dovrebbe contrarsi un po’ il mercato europeo (che fino a oggi ha trainato l’economia regionale), dovrebbe migliorare la situazione sul fronte della domanda intera e dovrebbe riprendere a girare la richiesta di prodotti e servizi dai paesi extraeuropei. Ma non basta.

Maurizio Flammini, presidente Federlazio

Maurizio Flammini, presidente Federlazio

Per dirla con un’immagine, il cielo si starà anche rischiarando ma gli imprenditori laziali preferiscono aspettare prima di chiudere gli ombrelli. “Le statistiche sembrano dirci che la crisi sta frenando la sua corsa e che il ritmo di contrazione dell’economia è in leggera attenuazione” ha riassunto Maurizio Flammini, presidente di Federlazio, “sembra che qualcosa si stia muovendo, solo che le nostre imprese non se ne accorgono”.

E infatti l’umore degli imprenditori laziali resta nero. Il 64,8 per cento delle aziende dice al momento di non intravedere alcuna via d’uscita dalla crisi: un numero in salita di quasi venti punti percentuali rispetto alla precedente indagine.

Capitolo occupazione. Solo il 9 per cento delle aziende ha incrementato il proprio personale, mentre aumenta di poco la percentuale di quelle che l’hanno ridotto – si passa dal 24,1 per cento al 25,8 per cento. La maggior parte degli imprenditori laziali (il 66,7 per cento contro il 61,8 della precedente rilevazione) conta di mantenere inalterato il proprio organico. Ma c’è un inquietante rovescio della medaglia: il 20 per cento ammette di correre seri rischi di chiusura nei prossimi sei mesi – un dato rimasto praticamente identico rispetto al secondo semestre del 2012.

I problemi di casa nostra sono sempre gli stessi, primo fra tutti il ritardo nei pagamenti, sia dei privati, sia della Pubblica amministrazione. Seguono questioni irrisolte come il credit crunch e la difficoltà di partecipare agli appalti. Ma la vera urgenza per le aziende si chiama pressione fiscale: sono le tasse a tirar giù le imprese, più del costo del lavoro e più della burocrazia.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments