•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 30 settembre, 2013

articolo scritto da:

Roma: i riflessi della crisi di governo

Gianni Alemanno

Si dimettono i ministri del Pdl, si apre la crisi di governo, il quadro politico nazionale è in subbuglio. Anche a Roma – non solo in Campidoglio – esponenti della destra e della sinistra  prendono posizione con un occhio a ciò che potrebbe accadere nelle prossime settimane: dalle urne ai problemi pratici dovuti a un esecutivo che si dissolve.

Uno dei primi a parlare, dopo l’annuncio di dimissioni dei ministri del Pdl, è stato il sindaco di Roma Ignazio Marino che senza mezzi termini ha bollato il partito di Berlusconi come un partito padronale. “L’Italia non merita che si crei instabilità a causa di un senatore che non vuole accettare una sentenza” ha tuonato Marino, “le dimissioni del Pdl sono irresponsabili anche per Roma”, considerato che la Capitale conta sull’appoggio del governo per ripianare il proprio debito di 867 milioni. E se il governo cade, per Roma la situazione potrebbe complicarsi.

Ma anche dall’altra parte ci si muove. E ci si divide. Da Fratelli d’Italia alla Destra, passando per Prima l’Italia, il ritornello è lo stesso: si torni al voto. Ma sulle responsabilità politiche di queste ultime ore le opinioni sono diverse.

Gianni Alemanno

Gianni Alemanno

“La caduta del governo Letta segna la fine delle larghe intese e riapre la prospettiva di uno scontro elettorale tra centrodestra e centrosinistra” ha dichiarato Gianni Alemanno, promotore del movimento Prima l’Italia. Ora guai a giocare di sponda con la sinistra “costruendo pasticci istituzionali per far sopravvivere questo Parlamento”, aggiunge l’ex sindaco di Roma: si riformi la legge elettorale si vada al voto il prima possibile.

Un rapidissimo ritorno alle urne dopo aver tolto di mezzo il Porcellum se lo augura pure Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia: “Il tempo dà ragione a Fratelli d’Italia, che non ha mai creduto al governo delle larghe intese e non ha votato la fiducia all’esecutivo Letta scegliendo di stare all’opposizione”.

Sintetico com’è nel suo stile era già stato Francesco Storace, leader della Destra: “niente pasticci e portateci ordinatamente alle urne”.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments