•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 30 settembre, 2013

articolo scritto da:

Il tiro al Porcellum, purché non muoia

Letta Grillo porcellum

Il problema di tutto, a quanto pare, è sempre lei. A parole se la prendono quasi tutti con la legge n. 270/2005, detta “legge Calderoli”, meglio nota come “porcata” (dal suo stesso presentatore) o, a la Giovanni Sartori, “Porcellum“.

Tutto quello che ora va storto finisce per essere colpa della legge elettorale, che non avrebbe fatto uscire una maggioranza univoca, obbligando l’Italia alla medicina delle larghe intese. Come se il risultato, per dire, non fosse colpa innanzitutto di chi, pur sapendo a cosa aveva portato quella legge, non ha fatto abbastanza per cambiarla.

Il premier Enrico Letta

A parole, quasi nessuno vuole votare di nuovo con il Porcellum, anzi, quella legge elettorale sarebbe la ragione principale per cui non avrebbe senso sciogliere le Camere senza averla cambiata: tornare al voto con quel sistema elettorale replicherebbe il risultato di febbraio e i problemi di oggi non si sposterebbero di un millimetro.

A dire il vero, c’è chi – come Antonio Agosta e Nicola D’Amelio, entrambi legati al Viminale e all’Università di Roma Tre – da tempo ha fatto qualche conto (l’analisi si trova nell’ultimo volume curato da Ilvio DiamantiUn salto nel voto) e ha dimostrato che nemmeno con il Mattarellum sarebbe uscita una maggioranza definita e in grado di governare. Ma peggio del Porcellum, allo stato, è difficile immaginare.

Nessuno, si diceva, dice di volere ancora il Porcellum. Eppure è ancora lìTra ieri e oggi continua il teatrino di accuse reciproche su chi non vuole cambiare sistema elettorale e chi invece si è mosso per modificarlo. In particolare, Letta ieri sera da Fazio ha detto che il Pd era favorevole a un ritorno al Mattarellum e ha accusato il M5S di volere ancora la legge attuale; Grillo ha risposto oggi, ricordando la bocciatura dell’ordine del giorno del Pd Roberto Giachetti che proponeva proprio il ritorno al Mattarellum.

roberto giachetti mattarellum letta governo

“Il M5S compatto votò a favore. Ci sono gli atti della Camera che lo testimoniano e Letta fu il primo a votare CONTRO il ritorno al Mattarellum“. Il capo del governo oggi replica, sostenendo che la mozione Giachetti era stata contestata dal Pd “perché focalizzava l’attenzione (e precipitava il confronto) solo sulla legge elettorale, mentre il dibattito urgente e necessario doveva riguardare l’intera materia delle riforme istituzionali” e aggiunge che Grillo vorrebbe votare col Porcellum perché “è l’unico sistema che può consentirgli di avere voce in capitolo, di vincere o di essere comunque l’ago della bilancia”.

(Per continuare a leggere cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments