•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 1 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Perché è il momento del Pd

L’invito a dimettersi dal governo, recapitato da Berlusconi ai propri ministri, sancisce la vittoria della linea dei “falchi” all’interno della rinata Forza Italia.

Una decisione presa da un vero e proprio gabinetto di guerra nel bunker di Arcore, senza alcun dibattito interno e partendo dal presupposto che il vecchio PdL (e i suoi gruppi dirigenti) sia ormai del tutto azzerato.

Dalla modalità con cui è arrivato l’aut-aut berlusconiano, più che dalla decisione in sè, nascono le perplessità del fronte governativo interno al partito. Non c’è solo Alfano che si dichiara “diversamente berlusconiano” (che non vuol dire “esco dal partito”, ma l’esatto opposto: noi siamo i “veri berlusconiani”), ma anche le dure prese di posizione di Quagliariello, Lupi, De Girolamo e Lorenzin. Tutti berlusconiani a prova di bomba che però non vogliono farsi dettare la linea politica da “un ex An, un ex Pri, un ex radicale e un ex comunista” (Santanchè, Verdini, Capezzone e Bondi).

I propositi di Letta, che per essere tali devono incrociarsi con una forte spaccatura interna al PdL capace di portare alla scissione almeno un quarto dei senatori berlusconiani, si scontrano con un’impostazione quanto mai padronale del partito che scoraggia iniziative di tipo autonomistico in seno al centrodestra italiano (Fli e la morte sul nascere Italia Popolare insegnano). A maggior ragione se lo scontro non è tanto la decisione ma le modalità con cui è stata presa (senza consultare Alfano e Co.).

Silvio Berlusconi. Da poche settimane ha resuscitato Forza Italia

Silvio Berlusconi. Da poche settimane ha resuscitato Forza Italia

In questo scenario un governo in grado di durare fino al 2015 (giravolte improvvise da parte di Berlusconi) non sembra avere margini di manovra e il fronte istituzionale già si prepara all’ipotesi di un governo provvisorio in grado di varare due provvedimenti fondamentali: legge di stabilità e legge elettorale.

In uno scenario così frammentato molti invitano i settori moderati del centrodestra, in maniera anche abbastanza ingenua, a rescindere il cordone ombelicale dal berlusconismo. Questo in quanto con il radicalismo in atto in Forza Italia aprirebbe una situazione di vuoto politico che potrebbe riempire un nuovo schieramento moderato. Un ragionamento che si basa su molti dati demoscopici secondo cui una caduta anticipata di questo governo sarebbe vista con negatività da gran parte della cittadinanza italiana (e dal 70% degli elettori del PdL).

Il grande tema però è proprio questo: in una situazione in cui Alfano sembra criticare una determinata area del partito, e in uno scenario in cui Beppe Grillo si diverte ad inscenare manifestazioni barricadere davanti alla vigilanza Rai, sembra esserci soltanto una forza politica in grado di mantenere una certa dose di equilibrio (essendo uno dei tre perni del sistema) e al tempo stesso di potenziale capacità espansiva: il Pd.

Se effettivamente c’è un vuoto politico, se effettivamente il PdL non è in grado di staccarsi da Berlusconi, allora la palla potrebbe passare al fronte democratico che potrebbe emergere in quanto forza dall’alta caratura “istituzionale”, unico pilastro di un sistema che può garantire il mancato commissariamento (a colpi d’austerità) da parte della Troika e una nuova legge elettorale (tema molto sentito dalla cittadinanza tutta).

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: