•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 3 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Cambio d’aria, la Germania con ironia e passione

Berlino

Cambio d’aria, la Germania con ironia e passione

Il viaggio non è semplicemente la quantità di chilometri percorsi, ma la distanza tra un prima e un dopo. Ciò che eravamo e ciò che siamo diventati dopo aver assaggiato un luogo, una lingua. In definitiva, un punto di vista altro dal nostro. Così, un gemellaggio redazionale Italia – Germania può essere appassionante, stimolante e istruttivo anche per i lettori, oltre che per i protagonisti.

Lo dimostra la testimonianza di Marina Verna, giornalista de La Stampa e “torinese di nascita e di animo”, che “ha la Germania nel cuore e non per amore di un tedesco in particolare: ama il suono della lingua e quel particolare odore che pizzica il naso dove c’è un Imbiss”. A settembre Marina Verna ha trascorso tre settimane a Berlino, lavorando alla redazione del Welt, nell’ambito del progetto Cambio d’aria (Tapetenwechsel in tedesco), promosso dal Goethe Institut, l’Istituto Culturale della Repubblica Federale di Germania attivo in tutto il mondo.

Con un piglio avvincente, nel blog dedicato al gemellaggio redazionale Marina Verna restituisce ai lettori molteplici tasselli del panorama socio-culturale e politico della Germania. La giornalista riesce, con acume, a incuriosirci e far riflettere accennando una sorta di “sociologia della gestualità” dei candidati cancelliere tedeschi.

Parlamento tedesco

Se davanti al dito medio alzato di Steinbrück viene spontaneo chiedersi “come facciamo a continuare a dire ai nostri figli che quel gesto non va assolutamente fatto?”, le mani a rombo della Merkel fanno pensare al “gesto trionfante delle femministe abbassato dalla testa all’ombelico, il baricentro del corpo, il terzo chakra: quello dell’energia volitiva, dell’autostima, del potere personale”. E a dispetto della legnosità che si attribuisce ai tedeschi, questi se la ridono scatenando la fantasia nei più improbabili fotomontaggi che hanno per protagoniste quelle mani.

E per restare in tema, Marina Verna ci spiega che la – solo apparentemente – austera lingua tedesca, con la sua struttura fortemente caratterizzata da prefissi e suffissi che la rendono una sorta di lingua-Lego, è invece strettamente  imparentata con l’ironia. “Lo humour non è una prerogativa degli inglesi. D´altronde, basta guardare quanti cabaret ci sono nelle città tedesche e quante trasmissioni del genere in tv per capire che la fama di popolo serio è incompleta.

In nessun Paese al mondo diventerebbe best seller un libro dal titolo Il dativo è la morte del genitivo (Der Dativ ist dem Genitiv sein Tod) o si riempirebbero teatri da duemila posti con devoti seguaci del suo autore, Bastian Sick. Qui succede. Perché scarnificare la lingua, rivelarne il potenziale, fare giochi di parole è una passione collettiva. Sick non è un vecchio professore di germanistica, ma un prestante signore di 48 anni, dalla risata facile, laureato in filologia romanza e giornalista allo Spiegel.

Anni fa ha convinto il suo direttore che una rubrica sui più comuni errori di grammatica avrebbe funzionato, e così è stato. Adesso è una star, le sue tournée registrano sempre il tutto esaurito. E niente è meglio dei suoi libri per approfondire il tedesco divertendosi”.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments