•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 ottobre, 2011

articolo scritto da:

USA – Primarie Repubblicani: secondo i sondaggi Cain passa in testa

CainFOX NEWS – 23/25 Ottobre
Cain 24%
Romney 20%
Gingrich 12%
Perry 10%
Paul 9%
Bachmann 3%
Santorum 3%
Huntsman 0%

Questi sono i dati dell’ultimo sondaggio nazionale – effettuato dall’emittente Fox News – sulle Primarie dei Repubblicani Americani. Come si può notare, salta subito all’occhio un dato non da poco, ovvero il fatto che Herman Cain sia balzato in testa nella competizione, superando l’ex Governatore del Massacchussetts Mitt Romney, nonchè la marginalizzazione di Rick Perry, che sembrava essere diventato il front-runner di Romney.
Ma adesso, analizziamo un po’ meglio la situazione dei candidati in questo sondaggio.

Herman Cain sembra lanciatissimo: vicino al Tea Party (che sembra in gran parte sostenerlo), ma senza farne parte, considerato dai suoi rivali traballante in materia di Esteri e Difesa, non può dirsi lo stesso sul tema economico, visto che ha guidato aziende del calibro di Burger King e Godfather Pizza, esperienze che, in un momento di crisi economica, sembra stiano pesando seriamente in suo favore nel consenso dei cittadini Statunitensi. La sua proposta del 9-9-9 (9% di tassazione sul reddito, 9% di tassazione sulle vendite, 9% di tasse sulle aziende) è stata lanciata in maniera molto forte dal suo staff ed al momento sta facendo avere i suoi frutti. Insomma, se la campagna del buisnessman della Georgia sembrava essere iniziata sottotono, adesso non può certo dirsi lo stesso: e se Herman Cain dovesse vincere in Iowa (dove al momento i sondaggi lo danno in testa), allora potrebbe dimostrare che questo suo consenso non è un fatto passeggero, ma qualcosa di concreto.

[ad]Mitt Romney, partito con l’incombenza di essere il favorito delle Primarie, è un Conservatore Mormone del Massachusetts, partito da un bacino di consenso molto ampio ma, al tempo stesso, molto fragile. Infatti, prima la candidatura del Governatore del Texas Rick Perry, poi l’exploit di Herman Cain, hanno decisamente ridimensionato il consenso di un candidato che forse paga un po’ troppo l’essere quello che si sbilancia di meno. Tuttavia, questo suo atteggiamento può a lungo termine dimostrarsi vincente, visto che la politica dei toni forti e degli annunci ha il difetto, talvolta, di durare poco. Inoltre, è il caso di dire, che al momento a livello di Stati vinti, Romney sembra ancora in testa, ma questo dato, in genere, cambia molto repentinamente con lo svolgimento delle Primarie.

Rick Perry sembrava poter sorpassare Romney, ma il suo momento di gloria è durato molto poco, ed ora è relegato intorno al 10%, secondo Fox addirittura sotto Newt Gingrich. Probabilmente i suoi toni troppo forti (basti pensare al duro attacco nei confronti di Romney all’ultimo faccia a faccia Repubblicano in cui lo accusava di aver assunto un clandestino come giardiniere) e la sua proposta di abbassare le tasse per i ceti più alti a discapito del ceto medio non sono piaciuti più di tanto. C’è però da dire che il suo consenso a livello territoriale rimane forte, in primis nel “suo” Texas, ma nel Sud più in generale.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento