•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 5 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Il cinema piange, addio a Carlo Lizzani

Il cinema piange, addio a Carlo Lizzani – 05/10/2013

Ha scelto di andarsene a modo suo, senza aspettare, con un salto nel vuoto. Si può raccontare così, velando con un briciolo di poesia una profonda tristezza, la fine di Carlo Lizzani, tra i registi più (giustamente) celebrati del cinema italiano. Si è probabilmente suicidato, lanciandosi dal terzo piano di un palazzo nel centro di Roma. Hanno dato l’allarme dei vicini, che hanno visto il corpo nel cortile dello stabile in cui abitava. Lizzani aveva 91 anni.

Gli appassionati del cinema italiano non possono rivivere il dramma già conosciuto quando scelse di andarsene anche un altro grande come Mario Monicelli: teatro del suo “volo”, il quinto piano dell’ospedale San Giovanni di Roma, in cui era ricoverato. Non a caso, Lizzani commentò il 29 novembre del 2010 il gesto del collega: “Nasce anche dal fatto che era un super laico, uno che voleva gestire la sua vita fino in fondo, un gesto da lucidità giovane”.

Noto a tutti come regista e sceneggiatore, fu anche attore e persino critico cinematografico. Se il suo esordio fu appunto come sceneggiatore di autori quali Vergano, De Santis, Rossellini e Lattuada, passò al ruolo di regista con il documentario Nel Mezzogiorno qualcosa è cambiato (1950) e con il film Achtung! Banditi! (1951).

Nella sua filmografia personale spiccano titoli di pregio come Cronache di poveri amanti (1954, versione cinematografica del romanzo di Vasco Pratolini), L’oro di Roma (1961), Il processo di Verona (1963) e La vita agra (1964, frutto della collaborazione con Luciano Bianciardi). Più avanti si ricordano Banditi a Milano (1968), Mussolini ultimo atto (1974). Storie di vita e malavita (1975) e Fontamara (1977, dal libro di Silone, ricevendo più avanti il premio intitolato allo scrittore).

In seguito il regista – che dal 1979 al 1982 ha pure diretto la Mostra del cinema di Venezia – ha lavorato anche per pellicole destinate alla televisione. Si è espresso poi nella scrittura, pubblicando nel 1998 la raccolta Attraverso il Novecento (ricca di aneddoti e ricordi) e nel 2007 la sua autobiografia Il mio lungo viaggio nel secolo breve. Un’altra perdita, che la fabbrica dei sogni di casa nostra deve mettere in doloroso conto.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento