•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 9 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Femminicidio, disco verde alla Camera

depistaggio

Femminicidio, disco verde alla Camera

Il primo passo verso l’approvazione delle norme a tutela delle donne e a repressione del femminicidio è stato compiuto, ma potrebbe non bastare. L’Aula della Camera ha approvato la legge di conversione del decreto che contiene le norme sul contrasto al femminicidio con 343 sì e 20 astenuti.

Ora però tocca al Senato esaminare lo stesso testo, ma dovrà fare in fretta: il decreto legge, infatti, decadrà il 14 ottobre e, perché la legge possa entrare in vigore, a Palazzo Madama il disegno di legge di conversione dovrà essere approvato così com’è, senza alcuna modifica (altrimenti la Camera dovrebbe provvedere a un nuovo esame che certamente sarebbe fuori tempo).

L’esito della votazione è stato salutato da un lungo applauso dei deputati del Pd, cui quelli del M5S hanno polemicamente risposto con un altro, successivo battimani. I deputati a 5 Stelle, infatti, hanno scelto di non partecipare al voto, pur restando in aula al loro banco: si sono semplicemente alzati in piedi, facendo vedere chiaramente che non stavano votando; lo stesso anno fatto gli eletti di Sel, mentre gli astenuti sono quelli della Lega.

La ragione alla base del loro comportamento, però, è pressoché la stessa:  “Il ricatto e’ sempre lo stesso – lamenta Manlio Di Stefano (M5S), mettere argomenti scandalosi dentro decreti moralmente inattaccabili. Siamo stanchi, siamo stanchi di questa ipocrisia dilagante”. “Questo dl è un carrozzone – ha accusato in aula il leghista Nicola Molteni – doveva parlare solo della tutela delle donne e invece l’avete caricato di temi e argomenti che non avevano alcuna attinenza al tema: Province, vigili del fuoco, militari, protezione civile, anche la Tav. E così avete svilito e offeso la natura e la finalità di questo decreto che contiene poche luci e troppe ombre”. “Questo decreto è un errore – ha aggiunto Titti Di Salvo (Sel) – è un decreto omnibus“.

Non la pensano così dal Pd: ”Senza enfatizzare, un ottimo provvedimento. Importante. Le donne ora potranno contare su una tutela piu’ attenta e incisiva contro ogni violenza di genere” dichiara Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia, dopo il via libera della Camera al decreto legge sul femminicidio: ”Dati i tempi strettissimi, l’auspicio è che il Senato lo voti a tamburo battente. Se il decreto dovesse decadere sarebbe un passo indietro gravissimo”.

Gabriele Maestri

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento