•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 14 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Immigrati, al via l’operazione “Mare nostrum”

strage in mare

Mare Nostrum, ossia il Mediterraneo. Lo chiamavano così i Romani, dopo che avevano conquistato quasi tutte le coste del bacino. Quello stesso mare, però, si è trasformato in una tomba per molte, troppe persone e in via di traffico e di fuga (dalla povertà o da regimi insostenibili) e il governo ha scelto di intervenire, avviando un’operazione che si chiama, appunto, Mare Nostrum. 

Il progetto è stato annunciato dal ministro dell’Interno e vicepremier Angelino Alfano, alla fine del vertice di Palazzo Chigi sull’emergenza immigrazione.  “Abbiamo tre livelli per affrontare i flussi migratori – ha spiegato – quello estero di cooperazione internazionale tendente a fare di tutto perché i migranti non partano; un livello relativo al controllo della frontiera, che è europea non italiana; terzo livello, l’accoglienza e il dispiegarsi del dispositivo nazionale“.

angelino alfano primo piano

Il ministro della Difesa, Mario Mauro, da parte sua, ha sottolineato che Mare Nostrum “sarà un’operazione militare ed umanitaria e prevede il rafforzamento del dispositivo di sorveglianza e soccorso in alto mare per incrementare il livello sicurezza delle vite umane”. Nell’operazione di sorveglianza e soccorso nel Mediterraneo verranno anche usati i droni, gli aerei senza pilota, oltre ad elicotteri con strumenti ottici ad infrarossi. “Utilizzeremo per la prima volta una nave anfibia – ha aggiunto Mauro – che ha la capacità di esercitare il comando e controllo, con elicotteri a lungo raggio, capacità ospedaliera, spazi ampi di ricovero per i naufraghi. Avremo 4 altre navi della Marina: due pattugliatori e due fregate” e altri velivoli.

Per il ministro della Difesa l’operazione è particolarmente delicata: “Sottolineo che ci muoviamo per primi e al limite delle nostre possibilità nell’ambito di Eurosur, finalmente varato, che consentirà di fare il controllo delle frontiere all’interno di Frontex per dare un esempio chiaro e forte. Eurosur prevede sostegni agli Stati membri che facciano impiego e messa a punto di strategie. In Ue si gira liberamente ma paradossalmente le frontiere esterne sono sotto la sorveglianza dei singoli stati membri“.

Questo passaggio a un nuovo impegno certamente sarà costoso: “Attualmente – sottolinea Mauro – spendiamo un milione e mezzo di euro al mese per la sorveglianza ed il soccorso in mare; potenziando il dispositivo con la nuova operazione si spenderà di più”. L’operazione, in ogni caso, si finanzia con i bilanci dei rispettivi ministeri, per cui non occorre una nuova legge di copertura. “Il punto è che – ha notato Alfano – l’Italia rafforza la protezione della frontiera esterna e quando si calcolano i costi bisogna capire quali sarebbero i costi in assenza di questa missione”.

In ogni caso, Alfano ha sottolineato che Frontex continuerà ad operare, nel frattempo entrerà in vigore il regolamento di Eurosur. “Nelle ore scorse – ha aggiunto – c’è stata un’importante operazione di blocco di una nave madre, l’arresto di tutto l’equipaggio e l’accompagnamento in sicurezza dei migranti. Un’operazione realizzata con l’aiuto decisivo di Frontex che va potenziato, resta in funzione e le operazioni vanno in addizione”.

Gabriele Maestri

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento