•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 30 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Napolitano striglia le banche: “Servono finanziamenti alle imprese”

napolitano monti e letta non sono stati miei capricci

Nell’ultimo periodo, Giorgio Napolitano sempre più spesso interviene, anche criticando il comportamento della classe dirigente del nostro Paese (basti pensare al suo discorso di insediamento). Oggi, in occasione della Giornata mondiale del risparmio, il Presidente della Repubblica lo ha fatto di nuovo ma, stavolta, verso gli istituti bancari.

“I primi e incerti segnali di ripresa – ha sottolineato l’inquilino del Colle – devono indurre a rafforzare tutte le azioni di sostegno all’economia, in uno sforzo generale al quale non può mancare l’apporto del sistema bancario e finanziario” attraverso “un’adeguata espansione dei finanziamenti alle imprese, in particolare piccole e medie, in un più solido quadro di stabilità del sistema finanziario e di efficace tutela dei risparmiatori”. Effettivamente, dire che la nostra economia può ripartire solo grazie a nuovi finanziamenti alle medie e piccole imprese è come dire che tra i cannibali non ci sono vegetariani, ma “tra il dire e il fare…”

Ignazio-Visco

Questa mattina, è intervenuto anche il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco che ha spiegato in poche battute i problemi degli istituti di credito: “Le banche italiane risentono di una crisi finanziaria e macroeconomica di cui non sono responsabili. Soffrono però anche di ritardi e negligenze nell’adeguare operatività, efficienza, qualità dei servizi offerti e assetti organizzativi all’evoluzione dei mercati”.

“Le difficili condizioni del credito –ha concluso Visco- rendono necessario il ricorso a canali alternativi per finanziare imprese solide e con buone prospettive di crescita. L’attuale congiuntura finanziaria deve spingere banche e imprese a superare questa situazione”.

 Da sottolineare anche gli interventi del ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni che ha indicato come via d’uscita “l’importanza di restare entro il 3% nel rapporto deficit/Pil” e del presidente dell’Acri Giuseppe Guzzetti che ha difeso il ruolo delle fondazioni bancarie non vedendo “un demerito” nel fatto “che le Fondazioni bancarie siano azioniste delle banche”.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento