•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 4 novembre, 2013

articolo scritto da:

Emilio Fede condannato “Diffamò una delle Olgettine”

emilio fede

Sono costati caro ad Emilio Fede gli insulti indirizzati ad una delle cosiddette “Olgettine”, Imane Fadil. L’ex direttore del Tg4 è stato infatti condannato a pagare 10 mila euro di multa per diffamazione nei confronti della modella marocchina. Il giudice monocratico Ivana Pane ha riconosciuto alla ragazza anche una provvisionale di 40 mila euro, in attesa che il giudizio civile stabilisca il risarcimento. L’ex direttore l’aveva accusata, in un editoriale del Tg4, di aver tentato di estorcergli 50 mila euro in cambio del silenzio sulle cene di Arcore, circostanza rivelatasi poi infondata. La richiesta di risarcimento era stata di 300mila euro mentre la Procura aveva chiesto una condanna a 8 mesi di reclusione.

emilio-fede

Emilio Fede, ex direttore del Tg4

Era stato proprio grazie alle alle dichiarazioni di Imane Fadil, che i magistrati della procura di Milano sono riusciti a ricostruire il sistema del processo denominato ‘Ruby-bis’. La ragazza aveva raccontato di aver ricevuto minacce per ritrattare quello che aveva raccontato agli investigatori milanesi, ovvero di aver partecipato a dieci cene ad Arcore e di aver che ricevuto 2mila euro a serata. “Non ho mai avuto rapporti sessuali – aveva detto – in quelle cene, a cui partecipavo con la speranza di avere un contratto televisivo, visto che Fede diceva di essere mio amico”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments