•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 novembre, 2013

articolo scritto da:

D’Alema a Renzi: “Il congresso non è chiuso”

Governo, D'Alema sulla staffetta di ieri e di oggi

Nessuno sa di quante certezze possa disporre Massimo D’Alema, ma tra queste ce n’è sicuramente una: la partita congressuale non è affatto chiusa. Tradotto, significa che per l’ex segretario Matteo Renzi non ha già vinto in partenza e Gianni Cuperlo può ancora giocarsela.

Intervistato dall’Unità, D’Alema nega espressamente che i giochi siano già fatti a favore del sindaco di Firenze: “Si è dimostrata una grande vitalità nell’andare contro corrente. C’è una parte significativa del Pd, e in essa tanti giovani, che sostiene Cuperlo con passione e che non si è piegata a questa campagna mediatica. E comunque, se Renzi dovesse diventare segretario, si troverà a gestire un partito che in buona parte dovrà convincere. Non potrà pensare di impadronirsi di un partito che in una certa misura lo osteggia”.

d'alema a renzi

Per l’ex presidente del partito, Renzi dovrà “avere la saggezza di rappresentare un mondo più vasto” e spera che il consenso in suo favore non sia plebiscitario, “altrimenti può esserci il rischio che una parte del Pd non si senta più nelle condizioni di viverci dentro“. Appena si materializza lo spettro della scissione, però, D’Alema getta acqua sul fuoco, senza rinunciare a un po’ di veleno: “Nessuna scissione. La gente se ne può andare a casa anche silenziosamente. Se ci sarà un’emorragia di iscritti, sarebbe un problema serio. Poi i gazebo chi li smonta, Flavio Briatore?”.

L’endorsement di Carlo De Benedetti a favore di Renzi non è stato particolarmente gradito e D’Alema lo fa nemmeno troppo velatamente: “Quella scelta è coerente con la linea del suo giornale. C’è uno schieramento del potere economico e dei mass media a favore di Renzi che è impressionante. C’è chi ritiene che sia la persona giusta per liquidare ciò che resta della sinistra italiana, che certi poteri hanno sempre guardato con avversione. E poi c’è chi ritiene che Renzi vada bene perché ci fa vincere. Ma ci fa vincere che cosa? Non stiamo andando alle elezioni, non scegliamo il candidato premier».

de benedetti d'alema a renzi

D’Alema torna anche sui temi-ritornello della campagna di Cuperlo, a partire dall’incompatibilità tra la segreteria e l’incarico di sindaco (“Un segretario di partito deve superare gli interessi di una città, deve essere capace di fare scelte che incidano e parlino a tutti. C’è il rischio che Renzi sia costretto a venire meno ai suoi impegni”) e attacca le regole congressuali: “E’ stato sbagliato potersi iscrivere fino al momento del voto. Non succede in nessun partito. Da noi succede perché, sotto la pressione esterna, sembrava volessimo compiere un atto di chiusura”.

E’ negativo invece il giudizio sulla scelta di Romano Prodi di non votare alle primarie: “Non riesco a capire: diversi di noi hanno posizioni critiche o ragioni di amarezza personale, ma non credo che questo giustifichi il fatto di non andare a votare per il proprio partito”. E sulla legge elettorale, D’Alema dice: “Non sono un fan della legge Mattarella, tuttavia non possiamo negare che questa legge ha promosso il bipolarismo in Italia. Dal lungo dibattito alla ricerca di una soluzione alternativa per ora non è emerso nulla di concreto. Questa proposta ha almeno il vantaggio di evitare il puro e semplice ritorno al proporzionale, che sarebbe un passo indietro inaccettabile”.

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Secondo voi alla fine ci sarà la scissione nel Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: