•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 15 novembre, 2013

articolo scritto da:

Mattarellum sì o no? Il Pd litiga sulla legge elettorale

Il M5S svela il lobbista

Se Atene piange, Sparta non ride, anche quando potrebbe sentire di nuovo profumo di vittoria. Perché, mentre nel Pdl ogni dichiarazione alle agenzie e ai media sembra buona per scatenare una scissione fulminante (che però è già stata sfiorata più volte), nel Pd in preda alla furia congressuale ci si scanna anche sulla legge elettorale che dovrebbe mandare (definitivamente, si spera) in pensione il Porcellum.

Lo strumento di lotta ha la forma del Mattarellum, il sistema in vigore fino al 2005, con cui si è votato tre volte (1994, 1996, 2001). Dopo vari mesi in cui, per la maggioranza nel Pd, quel sistema non era il migliore possibile, ora i principali candidati alla segreteria, Gianni Cuperlo Matteo Renzi sembrano pronti a riutilizzarlo. Provocando la reazione di Pippo Civati: “Da mesi sono l’unico pro Mattarellum. Improvvisamente lo diventano anche Cuperlo e Renzi, quando il renziano Franceschini ha bocciato il Mattarellum e il cuperliano D’Alema è da sempre a favore del proporzionale”.

civati il Pd litiga sulla legge elettorale

Altrettanto piccata la risposta di Cuperlo: “La riforma della legge elettorale è un tema troppo serio per essere affrontato con l’opportunismo che traspare da certi comportamenti e da certe dichiarazioni. Eliminare il Porcellum è una necessità politica e istituzionale. Purtroppo, l’unica cosa che Civati fa è attaccare gli altri candidati”.

Non perdono l’occasione per intervenire i renziani attraverso Andrea Marcucci: “Bene che Cuperlo oggi si schieri decisamente contro proporzionale e Porcellum. Parli con chiarezza anche ai suoi sostenitori, che fino a ieri sembravano di diverso avviso”. In ogni caso, “se esiste una maggioranza per ripristinare il Mattarellum – precisa Marcucci – siamo disponibili a verificarla”.

franceschini il Pd litiga sulla legge elettorale

Dario Franceschini però non cambia idea sul Mattarellum: “Se qualcuno vuole tenere le larghe intese per sempre non c’è sistema migliore. Con tre forze che non superano il 30 per cento, quello sarebbe l’esito scontato: la totale ingovernabilità”. Per il ministro è meglio aspettare la Corte costituzionale, ma la posizione non convince Roberto Giachetti, che continua lo sciopero della fame per la cancellazione del Porcellum: “Nonostante l’opinione autorevole di Franceschini che vorrebbe correggere l’attuale legge, il Pd ha scelto una direzione diversa. Se ne farà una ragione”.

Franceschini però non ci sta e risponde al suo collega di partito: “Io non voglio proprio correggere il Porcellum e la mia posizione è quella votata e decisa più volte dal partito: il doppio turno di collegio, l’unico sistema che garantisce la stabilità anche in un sistema purtroppo non più bipolare”. Lo stesso segretario Pd, Guglielmo Epifani, conferma che il partito “non si rassegna e continuerà a sostenere la sua proposta di riforma elettorale bocciata in commissione”.

roberto giachetti il Pd litiga sulla legge elettorale

Tiene il punto anche Cuperlo: “Il sindaco di firenze ci ha promesso che presenterà la sua proposta sul sindaco d’Italia ma, a parte le contraddizioni con la costituzione italiana che non ha un impianto presidenzialista, non può tacere sulla vera questione che ha di fronte il Parlamento: bisogna fare comunque ogni sforzo per eliminare il Porcellum oppure no?”.

I NUMERI E I TEMPI

Il fatto è che, al momento, al Senato il Pd consentirebbe di raggiungere la maggioranza necessaria per far passare l’ordine del giorno di Roberto Calderoli (estensore e aspirante carnefice del Porcellum) che impegnerebbe il Parlamento a un ritorno al Mattarellum, sia pure con alcune modifiche: il passaggio sarebbe assicurato con i voti di Lega, Pd, Scelta civica e Sel. E mentre il Pd litiga sulla legge elettorale, qualcuno lucida il pallottoliere e continua a fare i conti.

In ogni caso, i tempi per la discussione non sono brevi: se mercoledì prossimo si riunirà l’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionali, di mezzo c’è la discussione della legge di stabilità che monopolizzerà i lavori della settimana entrante. E se si potrebbe arrivare a un voto il 26 novembre, incombe la scadenza molto più delicata del voto sulla decadenza di Berlusconi, fissato proprio per il giorno successivo.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Zeno Stanghellini
Zeno Stanghellini

Peccato che l'abolizione del porcellum che quantomeno ripristinava il matarellum quando fu presentata dal M5S fu bocciata...Siamo alla demenza senile...

Gustavo de Mari
Gustavo de Mari

ci vuol tanto a discutere nel partito e decidere una posizione del PARTITO?Già ma questo sarebbe il vituperato Centralismo Democratico....marca PCI