•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 19 novembre, 2013

articolo scritto da:

Kenya: giustizia, potere e diritti umani

Kenyatta

Kenya: giustizia, potere e diritti umani

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha respinto la richiesta dell’Unione Africana di sospendere per un anno i processi a carico del Presidente keniano, Uhuru Kenyatta, e del suo vice, William Ruto, accusati di crimini contro l’umanità.

La risoluzione era sostenuta dal Rwanda, dalla Russia, dalla Cina e da altri paesi africani e ha ricevuto sette voti favorevoli e otto astensioni, sui 15 rappresentanti dell’organismo. Per passare avrebbe avuto bisogno di nove voti su 15.

Eletti a marzo, Kenyatta e Ruto sono i primi politici tuttora in carica ad essere perseguiti dalla giustizia internazionale. Sulla base della loro vicenda l’Unione Africana ha accusato la Corte penale internazionale e i giudici dell’Aia di “razzismo” e di perseguire solo personalità africane.

Kenyatta e Ruto sono accusati di aver ordito e fomentato le violenze, a sfondo confessionale e politico che – tra il dicembre 2007 e il febbraio 2008 – causarono 1300 vittime e oltre trecentomila sfollati in Kenya. Presidente e vicepresidente all’epoca dei fatti si trovavano su schieramenti politici opposti.

Oggi, dopo una vittoria elettorale in tandem a marzo, Ruto si è visto confermare l’accusa di crimini contro l’umanità in un processo che si è aperto poche settimane fa. Kenyatta –anch’egli perseguito con lo stesso capo d’imputazione – è in attesa di processo il prossimo 5 febbraio 2014.

kenya

Sulla vicenda è il caso di fare alcune riflessioni. La prima è che l’Unione Africana si è appiattita sulla richiesta di solidarietà avanzata dal Kenya perché gran parte dei paesi che ne sono membri hanno presidenti (in carica ben oltre i loro mandati e protagonisti di spietate repressioni interne nei confronti dei loro oppositori) che potrebbero essere accusati, in futuro, degli stessi crimini e potrebbero avere bisogno della stessa solidarietà. Insomma, una posizione, come si dice, “a buon rendere….”.

La seconda riflessione riguarda alleanze ed equilibri interni al continente e con le potenze emergenti da una parte, e quelle tradizionali dall’altra. Lo schieramento che ha appoggiato la richiesta dell’Unione Africana in Consiglio di Sicurezza dell’Onu è significativo. Oltre ai paesi africani la Cina, la Russia e il Pakistan.

Insomma Cina e Russia che, con la minaccia di porre il veto, continuano a salvare da provvedimenti dell’Onu dittatori come il sudanese Omar Al Bachir e l’inossidabile padre padrone dello Zimbabwe Robert Mugabe, ora hanno prestato il loro potere da paesi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza anche a un paese come il Kenya, un tempo paese molto vicino all’Occidente e sede di molte agenzie umanitarie dell’Onu.

Ecco. La Cina e gli altri paesi emergenti si dimostrano potenze molto amiche dell’Africa. Ma delle sue classi politiche al potere, non certo delle popolazioni.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento