•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 10 novembre, 2011

articolo scritto da:

Un paio di cose che mi ricordo su Monti

mario monti

Penso sia stato l’inizio del 2004. O forse l’autunno del 2003. Fatto sta che il mio primo ricordo legato al neo senatore a vita, e probabile futuro premier, Mario Monti riguarda Super Mario…che fa l’arbitro di calcio! Avete capito bene. L’allora commissario europeo nella grigia e melanconica, come la definirebbero Nigel Farage e gli euroscettici d’oltre Manica, sala stampa della Commissione Europea mostrava, per la gioia dei giornalisti, il cartellino giallo da arbitro. Il player ammonito era niente di meno che la Microsoft, che stava monopolizzando il settore informatico anche nel vecchio Continente.

[ad]Una lotta quella tra Monti e la Microsoft evidenziata dagli articoli dei giornali nazionali dedicati al senatore a vita. Ma nessuno vi ricorderà che Monti letteralmente, nonostante il suo aplomb britannico simile a quello di Giorgio Napolitano, ammonì il colosso informatico statunitense dimostrando un rispettabile sense of humor.

Il presidente della Bocconi non fu confermato, dopo dieci anni di commissione, nell’organismo di Bruxelles nel 2004. Il secondo governo Berlusconi optò per l’allora ministro delle politiche comunitarie Rocco Buttiglione che però non superò l’esame e le sue frasi sui diritti degli omosessuali lo resero “persona non adatta a ricoprire l’incarico di commissario alla giustizia e all’eguaglianza”. Fu allora proposto Franco Frattini, per la gioia di Gianfranco Fini che poté insediarsi alla Farnesina al suo posto costruendo un altro tassello dello sdoganamento politico della destra post-missina nelle istituzioni italiane.

Una non conferma per Monti che stupì in molti. Ma il professore non si diede per vinto, e ottenuta la presidenza del consiglio d’amministrazione della Bocconi (dove si era laureato nel 1965 e di cui era stato anche rettore), già preparava le prossime mosse. Così che, come un fulmine a ciel sereno, il 23 agosto del 2005 lanciò la sua prima proposta politica nel vero senso del termine.

mario monti

Ricordo benissimo, stavo prendendo il treno per Udine, i titoli dei giornali nell’agosto 2005 in cui campeggiava il titolo: “Monti: in Italia c’è bisogno del centro”. L’apoteosi del terzismo, allora dominante in via Solferino, che giustamente ottenne un giusto risalto da parte del gruppo Rcs. Un gruppo sui cui tra l’altro in quella calda estate dei “furbetti del quartierino” si stava discutendo molto e con trepidazione.

Ma la sua proposta a freddo e senza prospettive fattuali nel breve periodo di dar vita ad un vero e proprio centro politico (un concetto così pragmatico da apparire a tratti diverso da una mera riproposizione dello scudo crociato) fu un vero disastro. E Monti per quelle dichiarazioni politiche forse un po’ estemporanee unì i poli, con centrodestra e centrosinistra uniti nel dirsi non d’accordo con la prospettive di Monti. Lo stesso Casini (erano gli ultimi mesi di Follini segretario dell’Udc) non seppe come prendere la cosa, e del resto già si preparava ad assumere un ruolo di regista nella modifica della legge elettorale in senso proporzionale.

Il nome di Monti politicamente rispuntò allora nel maggio 2006 quando, dopo le terribili politiche di quell’anno, il centrosinistra dovette gestire le trattative per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. E così, dopo l’elezione di Marini al Senato e Bertinotti alla Camera, era evidente che il Quirinale spettasse ad un Ds. Mentre si continuava a perorare la candidatura di D’Alema (per la gioia di Marco Pannella) si tenne una domenica sera a Palazzo Chigi un tavolo di concertazione centrosinistra-centrodestra, per definire il miglior candidato comune.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Alessio Ciracì
Alessio Ciracì

Monti facci sognare...legge sul conflitto di interesse!!!se proprio ci vuoi felici allunga i tempi di prescrizione!!!col processo Mills ce lo toglieremmo dalle palle per sempre

Giuseppe Picari
Giuseppe Picari

pensa se per esempio decidesse di risparmiare sulla Rai, vendendo una rete. Costringerebbe alla vendita di Rete 4, con vantaggi economici (rientro dall'enorme indebitamento) che Mister b. non ha mai realmente perseguito - lui abituato alle scorciatoie degli appoggi politici

Giuseppe Picari
Giuseppe Picari

Si tratta davvero di un liberista classico: antimonopolista. E QESTA COSA MISTER B. NON PUO' DIGERIRLA.