•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 19 novembre, 2011

articolo scritto da:

Lo “spread” tra politica, competenza e merito è ai massimi storici

“spread”

Nel bar dove ho pranzato mercoledì scorso, il volume della televisione è stato alzato e gli avventori (tutti persone “qualunque”) si sono ammutoliti quando Mario Monti è apparso sullo schermo per leggere la lista dei ministri del suo esecutivo.

[ad]Uno dei tanti piccoli segnali dell’attenzione e delle aspettative che si sono create intorno alla nascita del nuovo governo. Da parte dei cittadini. Speranzosi che il nuovo esecutivo possa affrontare seriamente ed efficacemente la crisi economica e avviare le riforme necessarie. Probabilmente dolorose e costose. Ma comunque imprescindibili.

La sensazione è che ci sia una parte consistente del paese decisa a cambiare passo.

Affidando la costruzione delle politiche, delle strategie e delle soluzioni non più direttamente ai rappresentanti della politica ma a esponenti “competenti” della società. La maggior parte ha nomi sconosciuti ai più ma gode comunque di un credito di fiducia grazie all’autorevolezza di Mario Monti, garantita in primis dal Presidente della Repubblica. La persona che continua a riscuotere in questo momento il maggior gradimento nel paese.

“spread”

E’ la prima volta nella storia repubblicana che nasce un governo esclusivamente tecnico. In passato c’era stato il governo Ciampi (lui governatore della Banca d’Italia all’epoca ma i suoi ministri erano quasi tutti politici) e poi il governo Dini che era si tecnico ma veniva proprio dal Governo Berlusconi (di cui era ministro del Tesoro), suggerito come possibile premier proprio da quest’ultimo e non dall’allora Presidente della Repubblica Scalfaro. Inoltre Dini aveva scelto tra i ministri Rasi (AN) e Marzano (FI) che erano personaggi politici di spicco. Questi 2 rinunciarono all’incarico pero questo fa capire che quel governo (che aveva tra gli altri Frattini come ministro degli esteri e Treu come ministro del lavoro), non intendeva essere esclusivamente tecnico.

E’ evidente che i partiti politici, il parlamento, continueranno ad avere un ruolo e un potere importante (sarebbe del resto impossibile diversamente). Se non altro quello di assenso o di veto su quanto proporrà il governo. Determinandone l’esistenza o meno.

Ma con la consapevolezza (ci auguriamo) di aver dimostrato incapacità e inadeguatezza a gestire autonomamente la crisi.

E’ l’intera classe dirigente del paese che ha deciso di assumersi la responsabilità di governare in prima persona, anche per tutelare meglio i propri interessi. Dopo aver constatato i limiti oggettivi nel continuare a delegare i propri rappresentanti eletti a prendersi cura del paese.

Il governo Berlusconi è ovviamente il maggior responsabile di questo crollo di credibilità della politica e delle istituzioni.

Ma anche i partiti dell’opposizione hanno avuto la loro parte, per non essere stati capaci di marcare una netta differenza nello stile e nei modi di fare la politica. E per non aver (ancora) costruito un’alternativa credibile e riconoscibile al modello berlusconiano.

Ora non sappiamo cosa succederà nei prossimi mesi. Non sappiamo come opererà il governo Monti, se riuscirà davvero a raggiungere l’obiettivo ambizioso e difficile di risollevare il paese. Ce lo auguriamo.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments