•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 24 novembre, 2011

articolo scritto da:

Un paio di problematiche legate al Pd

pd eletti i segretari regionali

Il Partito Democratico ha un problema. E qualche buontempone potrebbe ironizzare su questa mia prima affermazione con frasi ad effetto del tipo “magari solo uno!”.
Ma siccome un alto numero di problemi interni è speciale prerogativa del Pdl, non intendo soffermarmi più di tanto sulla nascita di questo grande partito riformista che è il Pd ne sugli errori compiuti in passato, su quelli compiuti nel presente e su quelli che verranno compiuti in futuro del futuro.
Volevo dunque concentrarmi sue due aspetti che ritengo strategici, per quanto scontati, per tutto il Partito Democratico e che possono essere la base per una piattaforma politica e programmatica in grado di rilanciare il partito e tutto lo schieramento di centrosinistra.
[ad]1)Il problema dell’agenda: Il Partito Democratico è, e soprattutto aspira ad essere, il perno di uno schieramento di centrosinistra che intende essere alternativo al governo delle destre. Essendo il dunque il fulcro di questo schieramento che possiamo definire col nome di “centrosinistra” subisce un problema che per anni ha colpito il centrosinistra tutto: la subalternità alla destra nel dettare l’agenda politica. In Italia è Berlusconi a dettare l’agenda politica e ciò porta sia ad effetti singolari (si trattano temi che alla gente non interessano più di tanto) sia ad un problema per il Pd che è costretto ad inseguire Berlusconi su questi temi. Mentre è probabile che se il centrodestra impone delle tematiche politiche specifiche è perché essa stessa è maggiormente ferrata a proposito e più probabilmente può trarne consenso elettorale. Forse l’unico periodo in cui il Pd ha dettato l’agenda politica di questo paese è stato durante la campagna elettorale del 2008 e ciò ha portato ad una notevole semplificazione del quadro politico. Ma qui non voglio fare un’analisi storica ne alimentare polemiche su quella stagione.

pd
Il Partito Democratico deve stabilire in primo luogo al suo interno la sua identità non a livello strettamente ideologico, ma sui singoli temi secondo una modalità pragmatica che consenta anche il voto interno degli iscritti. Oggi come oggi forse sta emergendo un’identità, ma è fortemente contestata da gran parte del partito.
Stabiliti i temi principali arriva la fase in cui occorre portarli avanti. Sulle riforme istituzionali il Pd ha presentato un programma a Napolitano ben più chiaro e coerente di quello del centrodestra. Ora però bisogna portarlo avanti e farlo conoscere ai cittadini facendo scoppiare le contraddizioni della maggioranza.
Dovrebbe essere eliminato il luogo comune secondo cui il Pd non vota al proprio interno perché non omogeneo.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Dario Cafiero ha scritto:

    Direi che la definizione di un PROGRAMMA (non televisivo, ma elettorale) potrebbe risolvere almeno uno dei due problemi. Anzi, probabilmente tutti.

  2. Francesco Magni ha scritto:

    il programma è l’unica cosa che il PD ha. ci sono le assemblee programmatiche che si riuniscono, discutono e redigono annualmente documenti programmatici

Lascia un commento