•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Montecitorio, continua la protesta degli allevatori di Coldiretti

coldiretti

Montecitorio, continua la protesta degli allevatori di Coldiretti

All’indomani della manifestazione di ieri che ha bloccato la frontiera del Brennero, continuano le proteste di Coldiretti in difesa del Made in Italy. Nella giornata di oggi gli allevatori e gli agricoltori sono scesi in piazza a Montecitorio dove hanno portato i propri maiali per sensibilizzare i parlamentari e i cittadini sul problema della concorrenza sleale che danneggia i prodotti nostrani. Gli allevatori hanno denunciato la scomparsa dal territorio nazionale di 615mila maiali solo nell’ultimo anno, “sfrattati dalle importazioni dall’estero per realizzare falsi salumi italiani di bassa qualità”. Proprio per questo motivo hanno chiesto ai politici di attuare provvedimenti concreti per sostenere gli allevamenti italiani e difenderli dalle imitazioni provenienti dall’estero.

coldireti

Le manifestazioni di oggi a Montecitorio e di ieri al Brennero rientrano nell’ambito della mobilitazione generale “La battaglia di Natale: scegli l’Italia” organizzata da Coldiretti, che ha l’obiettivo di portare all’attenzione dell’opinione pubblica la questione dei prodotti provenienti dall’estero spacciati per Made in Italy. Molti agricoltori e allevatori italiani, infatti, si trovano in grande difficoltà a causa della concorrenza sleale dei prodotti di bassa qualità importati dall’estero e poi venduti con l’etichetta del Made in Italy. Secondo le stime di Coldiretti, sarebbero oltre 30 mila le stalle e le aziende agricole costrette a chiudere proprio per questo motivo. In base alle attuali norme sull’etichettatura “un terzo della produzione dei prodotti agroalimentari venduti in Italia ed esportati come Made in Italy contiene materie prime straniere”, spiega Roberto Moncalvo, presidente nazionale di Coldiretti. “Gli inganni riguardano, per esempio, 2 prosciutti su 3 venduti come nostrani ma fatti con maiali allevati altrove e un terzo della pasta, ottenuta da grano non coltivato qui”.

 

Lorenzo Cini

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

13 Commenti

  1. Maurizio Abbati ha scritto:

    ma perché dobbiamo sempre farci inculare, mettiamo delle regole FERREE, e che cazzo, stiamo a fare in Italia, cazzo.

  2. Fabio Todisco ha scritto:

    made in Europe, non esiste piu il made in Italy ed e’ giusto cosi

  3. Pietro Domenico Salvi ha scritto:

    ma, questi non saranno sempre quelli delle quote latte!

  4. Mimmo Ristori ha scritto:

    Preferirei quelli al posto di certi politici in Parlamento!

  5. Maurizio Agostinelli ha scritto:

    Politici cialtroni, che difendono un Made europe che non esiste

  6. Mario Ceragioli ha scritto:

    Difendiamo l’origine genuina dei prodotti nazionali non adulterati e controllati. Il Governo imponga regole precise e se necessario dei dazi sui prodotti provenienti da altri paesi anche europei. Il Governo protegga il made in Italy.

  7. Bazzanella Silvio ha scritto:

    a proposito di made in italy lo sapevate che gli indumenti che i cinesi producono in italia se tornano in cina mon solo non entrano ma addirittura vanno direttamente nell’INCENERITORE fonte sicura

  8. Simone Rosa ha scritto:

    Da lunedì s’incomincia tutti tranquilli!! Nn sarete soli!

  9. Sandro Di Spigna ha scritto:

    quelli grossi sono dentro i palazzi della politica … pensate quanti prosciutti made italy si potrebbero ricavare … potremmo usare il ricavato per dimnuire sensibilmente il debito pubblico …

  10. Carmelo Patanè ha scritto:

    Così si fa!!!

  11. Guido Zaccaro ha scritto:

    10 Anni fa’…chi paventava il pericolo…che cinesi o est.europa…poteva entrare in italia….senza un un dazio o di un inbarco…per difendere il “made in italy”.. (riconosciuti come miglior prodotti a livello mondiale)…veniva tacciato..come “nemico”..dell’opportunità del villaggio globale… (Prodi)…

  12. Giuseppe Pontello ha scritto:

    …. protesta …mi sembra una raccolta elemosine….!!!! ASPETTANO AIUTI DI STATO…????

Lascia un commento