•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 8 dicembre, 2013

articolo scritto da:

La settimana dei Forconi: “Se fiducia a governo invaderemo Roma”

È una protesta pacifica quella che il Movimento dei Forconi ha organizzato settimana prossima in tutta Italia, a ridosso del voto di fiducia in Parlamento. Ma, al di là delle buone intenzioni, il rischio che la protesta possa degenerare rimane eccome, a partire dai pericoli di ordine pubblico o dall’infiltrazione dell’estrema destra.

Danilo Calvani – esponente laziale dei Forconi – ha annunciato “l’invasione pacifica” della Capitale nella giornata di mercoledì, quella decisiva per le sorti del governo Letta: “Se sarà votata la fiducia al governo e i politici non andranno via, tutti convergeranno su Roma”, ha detto l’agricoltore pontino. Questo pomeriggio, il nucleo romano dei Forconi ha escluso categoricamente che ci sarà un presidio a Montecitorio. Intanto Mariano Ferro – leader dei novelli Fasci siciliani – ha smentito l’ipotesi di un blocco totale dei tir e ha invece parlato di una “massiccia operazione di volantinaggio nelle piazze e nelle strade dell’intero territorio nazionale”, che partirà domani dalla città di Siracusa.

Lo zoccolo duro del movimento è formato da agricoltori, autotrasportatori, piccoli imprenditori, piccoli commercianti e artigiani i quali protestano – da Pordenone alla Sicilia – contro “il far west della globalizzazione, questa Europa e il governo dei nominati”, senza risparmiare accuse alla Merkel e al vertice di Bildenberg.

La Questura di Roma sta studiando il piano di disposizione delle Forze dell’ordine per arginare l’eventuale rischio di violenze nella Capitale: “Questa è una manifestazione del popolo italiano e basta – ha voluto precisare Calvani –. Prendiamo categoricamente le distanze da tutti questi partiti estremi come Forza Nuova o altro che, guarda caso, con le loro uscite favoreggiano il sistema. Respingiamo i loro finti appoggi”.

Da domani fino a venerdì 13, i Forconi manifesteranno la loro rabbia in tutta Italia, annullando però l’annunciato sciopero selvaggio del trasporto su gomma: “Sia chiaro, gli autotrasportatori che domani intenderanno scioperare non hanno tra le loro ragioni nessuna richiesta presentata al governo e al ministero che sia rimasta inevasa e che li giustifichi”, aveva avvisato stamattina il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi, dichiarazione confermata subito dopo dall’Autorità garante degli scioperi: “Non verranno tollerate illegalità”. E il presidente dell’Unatras (Unione nazionale dei trasporti) ha confermato la versione di Lupi: “Quella dei forconi è una protesta che nulla ha a che vedere con i problemi dell’autotrasporto, per i quali le associazioni di categoria hanno sottoscritto con il Governo precisi accordi”.

Gli organizzatori della protesta parlano di circa 6 milioni e mezzo di persone mobilitate per tutta la settimana. Tuttavia la mancanza di un leader riconosciuto e di un solido coordinamento tra regioni potrebbe non riuscire a contenere l’azione della mine vaganti interne ed esterne.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: