•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 2 dicembre, 2011

articolo scritto da:

È tornata la guerra dei mondi?

buona

Il dibattito sull’etica dell’informazione e gli effetti dei media, dopo la puntata di ieri sera di “Piazzapulita” (La7), si arricchisce di un nuovo capitolo. Ore 21.05 circa, il conduttore del programma, Corrado Formigli, avverte che quel che sta per andare in onda è una ricostruzione basata sull’ipotesi del fallimento dell’Italia. Insomma, una fiction.

Il video racconta l’ipotetica “settimana X”: quella che aprendosi al lunedì  con lo spread a quota 700 punti trascinerebbe, entro il venerdì successivo, l’Italia nel baratro del default finanziario.

Il filmato non è ancora terminato e i giudizi dei telespettatori perplessi non tardano ad arrivare. Twitter, in tempo reale, registra i primi commenti sull’argomento; sul forum finanzaonline.com, alle 21.17, viene lanciato il primo post: un utente si interroga sugli effetti della fiction mandata in onda da La7 e si chiede se qualche persona suggestionabile potrebbe cadere in errore e credere che tutto quello che ha appena visto sia già avvenuto realmente. Sembra di essere tornati al 1938, quando sulla CBS andò in onda il celeberrimo radiodramma “la guerra dei mondi” di Orson Welles. Ovviamente bisognerebbe stabilire le dovute distinzioni tra i due casi (come ad esempio le finalità: intrattenimento vs. informazione) ma, a ben guardare, effettivamente, la struttura della copertina di “Piazzapulita” di ieri sera sembra ricalcare in maniera fedele molti degli elementi che, secondo  Cantril, avevano reso il programma di Welles interpretabile in maniera distorta.

guerra dei mondiInnanzi tutto il tono realistico: il linguaggio scelto per la fiction è quello dell’inchiesta video giornalistica. Se non fosse per le scritte in sovra impressione potrebbe, a tratti, sembrare una cronaca estemporanea di fatti realmente accaduti. La finzione degli attori si mescola con il linguaggio reale del mezzo televisivo e anche la tecnica di ripresa – volutamente “sporca” e con i colori virati al blu – contribuisce ad accentuare il realismo del servizio. Ovviamente anche la stessa emittente e la collocazione in un programma che, solitamente, si occupa di avvenimenti reali accaduti contribuisce a rafforzare il senso di veridicità del video. In ”The Invasion from Mars: A Study in the Psycology of Panic” del 1940 emergevano anche due ulteriori aspetti capaci di rafforzare la credibilità di un prodotto di finzione come “la guerra dei mondi”: l’utilizzo di finti esperti e l’uso di location realmente esistenti. Come avranno potuto osservare i telespettatori più attenti, anche queste due “regole” sono state rispettate nella copertina del programma di Corrado Formigli. Nei dieci minuti di filmato sono diversi gli interventi di attori nei panni di economisti e politici e molte sono le location riconoscibili (come il finto Sottosegretario che entra in un palazzo o la banca di via del Corso a Roma).

[ad]A cercare di stemperare le critiche da parte dei telespettatori per l’eccesso di catastrofismo e per il prodotto così fraintendibile è lo stesso Formigli che, questa mattina, nella web chat post programma precisa:  “Allora, la “fiction” di ieri merita una difesa. Intanto questo tipo di prodotti sono consueti in tutte le televisioni europee, anche nei programmi giornalistici. Tre anni fa in Francia andò in onda una docufiction su un ipotetico black-out dovuto a un cambiamento termico prolungato. Faceva molta paura ma era basata su ipotesi scientifiche. Anche la nostra ricostruzione era basata su articoli e dati di economisti, tanto che Enrico Letta in diretta ha detto che lo scenario era credibile. L’indicazione che si trattasse di una fiction era chiara. Pensiamo di dover parlare a uno spettatore adulto, e non ci piace rassicurare gli italiani come per troppo tempo è stato fatto dicendo che la crisi non c’era. Berlusconi ha sempre detto che quando si faceva televisione bisognava pensare di parlare a un bambino di sette anni. E’ tempo di crescere, no?”

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments