•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 9 dicembre, 2013

articolo scritto da:

I Forconi mettono Torino a ferro e fuoco

I Forconi mettono Torino a ferro e fuoco

I forconi stanno mettendo a ferro e fuoco le città di Torino e di Genova. Innumerevoli disagi in altre città della penisola. Ma sono i due capoluoghi di regione ad essere nell’occhio del ciclone in questi istanti: a Torino la situazione si è rivelata la più grave.

Nella prima capitale del Regno d’Italia, i manifestanti, aderenti al “movimento dei Forconi”, dimostrando presso piazza Castello, sotto il palazzo della Regione Piemonte, hanno preso sassi e mattoni da un cantiere nelle vicinanze per poi mirare le forze dell’ordine ripieganti sotto i portici del governatorato, da dove hanno lanciato più volte i gas lacrimogeni. Centro degli insulti il Presidente della Giunta Regionale, il leghista Roberto Cota, e la classe politica in generale, come spiega lo striscione attaccato lungo Palazzo Reale: “politici, amministratori, sindacati, ladri legalizzati”. La città è a ferro e fuoco: addirittura in via Garibaldi è stata costituita una vera e propria barricata. Conseguentemente l’assalto ad Equitalia, la società pubblica predisposta alla riscossione dei tributi, è parsa cosa ovvia, salvo il respingimento da parte della Polizia di Stato lungo via XX Settembre. Il capoluogo piemontese sembra una città fantasma, eccezion fatta per i manifestanti e le forze dell’ordine: i negozi del centro sono chiusi, serrati. Gli esercenti sono stati obbligati a concludere anticipatamente la giornata lavorativa proprio dai “forconi”. E’ il caso del celeberrimo bar Caval D’Brons, sito presso piazza San Carlo: dopo aver preso a calci la porta di ingresso, alcuni manifestanti hanno intimato di chiudere nonostante i clienti all’interno. Parte dei mezzi pubblici, inoltre, sono stati bloccati dai partecipanti al corteo. La città è bloccata: la superstrada per l’aeroporto di Caselle, in direzione Torino, è interrotta. Stessa storia per piazza Derna, dove i manifestanti si sono piazzati all’imbocco di ogni traversa e fanno passare talvolta un’autovettura. E i momenti di tensione sono tutt’altro che rari: in questa piazza un autotrasportatore ha violato il blocco e poco vi è mancato per uno scontro manifestanti-forze dell’ordine. La situazione a Torino sud sembra più calma, ma è comunque difficile: via San Marino è inaccessibile a causa dell’utilizzo dei cassonetti per la spazzatura come ostacolo. Stessa sorte per le traverse dell’importante corso.

Protesta a Torino del movimento dei Forconi

Protesta a Torino del movimento dei Forconi

Anche la notte è stata centro di violenze. Il teatro di scontri sono stati i mercati generali di Grugliasco: incendiate più masserizie, tentativi di impedire l’ingresso e l’uscita dei tir carichi di frutta e verdura, incendiata una bancarella in corso Grosseto sono solo alcuni esempi della situazione difficile che sta vivendo la città di Torino. Tuona il sindaco della città, Piero Fassino: “sono preoccupato perché nonostante gli appelli alla ragionevolezza e a non paralizzare la città, in alcuni punti si stanno verificando blocchi. Questo comportamento”, ha proseguito l’ex segretario dei Ds, “denota una mancanza di rispetto di Torino e dei suoi cittadini. La protesta è legittima ma non si può sconvolgere la vita della città e la normalità di chi la abita”.

Daniele Errera

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

26 Commenti

  1. Mauro Agus ha scritto:

    cacchio… ma se insultano cota allora mi aggrego anche io 🙂

  2. Andrea Simeone ha scritto:

    fascisti!

  3. Davide Maso ha scritto:

    Fascisti odiono i sindacati contenti voi

  4. Juri Orsi ha scritto:

    finché non capiremo che il nostro problema è lo stato italiano non andremo da nessuna parte!

  5. Pietro Favaro ha scritto:

    bravo anche io .

  6. L'Orlando Innamorato ha scritto:

    Secondo me sta per scoppiare un termometro impressionante in italia 🙂 avete accusato questa gente di essere criminali,di ferro e fuoco,fascisti…ahahah…mentre piu su in questa pagina e’ tutto uno sbandierare di partiti in festa per cambiare tutto affinche’ nulla cambi.La verita’ e’ che se in italia cambia tutto,saranno molti di piu gli scontenti,un esercito angelico.Nun credo,nun credo proprio di maiiiiiii….al ferro fuoco…e cota……..che ai consiglieri regionali pagavamo anche la nutella…e le alte temperature…

  7. Donato Palmieri ha scritto:

    Questo lo dite voi!! erano quattro ragazzini prezzolati ,tutti gli altri non ce l’avevano con Cota ma con lo stato!!

  8. Donato Palmieri ha scritto:

    ecco chi non ha capito una mazza di quello che è successo!

  9. Stefano Zappa ha scritto:

    almeno sei onesto: l obiettivo di questa manifestazione è semplicemente uno: lasciare l italia quello che è con l attuale costituzione UN INSIEME DI CITTà STATO CON LA BENEDIZIONE DEL PAPA…..ed è proprio questo il problema italiano: la divisione regionale, la frammentazione…..(da dopo roma)…….quindi è necessario attaccare lo stato ITALIANO, perchè???……perchè alla base di un qualsiasi paese unito vi è lo STATO.

  10. Stefano Zappa ha scritto:

    basta andare a vedere gli organizzatori di questa manifestazione per capire:.AUTONOMIA VENETA, AUTONOMIA SICILIANA ecc…..rappresentano quello che è sempre stata l ITALIA: un insieme di regioni, di città stato….una penisola sempre divisa……e questi che manifestano vogliono che la situazione non cambi

  11. Fabio Todisco ha scritto:

    le facce di alcuni…..oni!!!!!

  12. Fabio Todisco ha scritto:

    comunisti rende meglio l’idea…..

  13. Fabio Todisco ha scritto:

    di lota e di governo…..chi lo disse????!!!! grardati in faccia

  14. Fabio Todisco ha scritto:

    odiono????? ah ah ah la cultura+

  15. Fabio Todisco ha scritto:

    i no-tav invece…….sono molto meglio vero???!!!!

  16. Stefano Zappa ha scritto:

    non hai capito niente…..secondo te se io critico questi allora devo essere per forza con i no-tav????…..mamma mia…..toglietevi i paraocchi e studiate la storia, senza offesa D

  17. Stefano Zappa ha scritto:

    le ideologie sono il vero dramma di questo paese (fascismo e comunismo)……che cmq il ventennio ha avuto anche aspetti positivi: interessi nazionali e legalità rimanendo tuttavia sempre senza un LEGITTIMAZIONE DEMOCRATICA

  18. Guido Zaccaro ha scritto:

    Il popolo italico stremato da berlusca pd…e tutti quelli che han portato l’italia in miseria…manifesta…..

  19. Dario Cerutti ha scritto:

    Follia inutile ed inconcludente…il mito dei veri italiani…buffoni e basta.

  20. Aldo Miceli ha scritto:

    mi piacerebbe vedere le foto di questi disastri, ho visto solo foto di poliziotti senza casco, come mai?

  21. Francesco D'Angelo ha scritto:

    che gente di merda

  22. Roberto Moccia ha scritto:

    Sapete perche’ in questa nazione non cambiera’ mai un cazzo ..perche ci sono teste di minchia come alcuni di cui sotto che prima dicono si..bisogna protestare..a fuoco il governo ..tutti in piazza..etc..etc e poi sono i primi a denigrare i manifestanti che portano in piazza il sacrosanto diritto di protestare e di sopravvivere alla fame e alla disoccupazione…questi stessi stronzi che si gonfiano il petto di italianita’ ai loro occhi piu’ giusta e corretta di chi e’ sceso per le strade a tentare di cambiare le cose…soliti stronzi che devono remare per forza contro..perche’ l’Italia vera e’ questa paese di santi navigatori allenatori e ..rompicoglioni!!

  23. Ercole Tosi ha scritto:

    cosa dice non è un problema nostro ma di tutti!!

  24. Lucente Michele ha scritto:

    eccheccazzo….per un pèaio di mutande ….verdi!!!!!!

  25. Vito Martinelli ha scritto:

    Non mi sembra dalla foto che siano violenti e che i palazzi dietro di loro stiano bruciando

  26. Vito Martinelli ha scritto:

    Cota deve dimettersi cota quel che cota

Lascia un commento