•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 3 dicembre, 2011

articolo scritto da:

Quanto conta e può contare (davvero) il “popolo arancione” a Milano

“popolo arancione”

La querelle che ha visto protagonisti in questi giorni il Sindaco Giuliano Pisapia e l’Assessore Stefano Boeri sembra essere rientrata. L’Assessore ha rimesso le deleghe al Sindaco e si è scusato pubblicamente con lui e con la Giunta (gesto apprezzabile, comunque la si pensi sulla vicenda; non è una prassi consueta tra gli uomini “noti e di potere” riconoscere i propri limiti ed errori). Il Sindaco Pisapia, dopo aver consultato Giunta e consiglieri della sua maggioranza, ha deciso di restituire le deleghe a Stefano Boeri, tranne quella relativa a Expo 2015, che verrà condivisa collegialmente tra diversi assessorati.

[ad]Crisi dunque che sembra essersi risolta positivamente.
Tutto è bene quel che finisce bene? Staremo a vedere.
Un fatto certo emerge da quanto è successo in questi giorni: il ruolo che hanno svolto i social media (facebook e twitter) nel provare a entrare nelle dinamiche del primo vero empasse del governo del centro sinistra meneghino.
Domenica pomeriggio, quando si è iniziato a capire che lo scontro tra Sindaco e Assessore era andato oltre ad uno scambio, per quanto acceso, di opinioni, e che si stava trasformando in un problema serio, facebook e twitter hanno cominciato a scaldarsi. Con il solito tam tam che tanta parte ha avuto nella campagna elettorale milanese, sono iniziati a girare appelli, che hanno raccolto via via centinaia di adesioni. L’hashtag più diffuso su twitter è stato #salviamolarcobalenodimilano. In rete si percepiva sconcerto, preoccupazione e anche una certa rabbia per quanto si stava consumando tra i due attori in scena. Poca partigianeria (ha ragione Boeri, ha ragione Pisapia), tanto “spirito unitario”. E il desiderio/volontà, da parte di tutti di “contare”, nell’idea che la vittoria di Milano sia anche (forse soprattutto) “proprietà” dei tanti che generosamente si sono spesi per conseguirla.

“popolo arancione”

Ora non sappiamo quanto la mobilitazione in rete abbia influenzato Giuliano Pisapia e Stefano Boeri nel cercare una ricomposizione positiva. E’ un elemento al momento difficilmente misurabile.
Ma è un dato incontrovertibile che ci sia stata e sia stata massiccia. E la mobilitazione online rappresenta solo la punta dell’iceberg di un sentimento diffuso in larga parte del “popolo arancione”, anche offline.
I cittadini chiedono di avere ruolo nelle dinamiche e nelle scelte dell’amministrazione. Non solo formalmente. Non solo come massa critica che si spende ogni giorno per commentare lo “stato” del Sindaco e dei diversi assessori (più o meno loquaci sui social network), cliccare “mi piace”, twittare e ritwittare centinai di messaggi.

Come ha ben scritto Ivan Scalfarotto nei giorni caldi della crisi “la cosa più dura della politica è avere la responsabilità delle speranze degli altri”. E al di là di quello che pensa qualcuno, tenere in considerazione la speranza (e i sogni) dei cittadini è un pezzo importante del compito di chi sceglie di assumere ruoli di governo.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments