•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 3 dicembre, 2011

articolo scritto da:

La previdenza degli onorevoli

onorevoli

La classe politica italiana non si smentisce, e ancora una volta offre il peggio di sé alla vigilia dei nuovi importanti sacrifici che il Governo Monti chiederà alla popolazione su temi fiscali e previdenziali.
Il famoso trittico tra rigore, crescita ed equità che tanti entusiasmi e speranze del discorso di insediamente del nuovo Presidente del Consiglio, che tante speranze aveva susscitato dopo le dimissioni di Berlusconi, pare – almeno stando alle voci che si stanno diffondendo prima del chiarificatore CdM di lunedì 5 dicembre – infatti essere finito almeno in parte nel dimenticatoio, dal momento che tutte le indiscrezioni sono mirate sui temi del ritorno dell’ICI, della mini-patrimoniale, della rivalutazione delle rendite catastali e soprattutto di una nuova riforma previdenziale.
Molto rigore, un po’ di equità, ma sicuramente per le misure relative allo sviluppo economico sarà necessario attendere – salvo clamorose smentite lunedì prossimo.

[ad]Un punto in particolare desta però speciale attenzione, ed è stato ripreso recentemente anche dai media: secondo la revisione dei regolamenti di Camera e Senato promossa dai rispettivi Presidenti Fini e Schifani, infatti, anche per i parlamentari – massima espressione della cosiddetta “Casta” – scatterà l’adeguamento al sistema contributivo, e soprattutto la data del ricevimento del vitalizio verrà fissata a 60 anni di età per coloro che hanno più di un mandato alle spalle, e 65 per gli eletti attualmente al primo mandato. Questo, naturalmente, se la proposta verrà effettivamente resa esecutiva.
Una situazione molto simile, a quella che il Ministro Fornero disegna per i milioni di contribuenti italiani che non hanno la fortuna di sedere in Parlamento.
Di fatto si verrebbero a delineare tre situazioni differenti tra loro: da un lato gli ex-parlamentari, per i quali resterebbe una situazione invariata; dall’altro invece vi sono i parlamentari in corso, per i quali si applicherebbero le nuove regole, e all’interno di questo calderone si devono distinguere coloro che hanno già maturato gli attuali quattro anni, sei mesi e un giorno e che avrebbero quindi diritto alla pensione con le attuali regole, che vedrebbero negarsi dei “diritti acquisiti”, e dall’altro i parlamentari che non hanno ancora maturato tale anzianità di servizio.

Un mix di situazioni che consentono numerosi appigli contro una norma che sta causando una vera e propria rivolta in Parlamento, con toni e argomenti che raccontano più di mille analisi la distanza siderale tra elettori ed eletti, e che evidenziano la differente importanza che la nostra classe politica assegna ai propri problemi personali e a quelli del Paese.

Una proposta demagogica per indorare la pillola agli italiani che dovranno subire i tagli delle pensioni. [Gianluca Pini, Lega Nord Padania]

 

A me della pensione non frega niente, ma l’operazione deve iniziare dal 1945, perché chi propone i tagli è in Parlamento da decenni. [Massimo Calearo Ciman, Popolo e Territorio]

 

Prima facciano chiarezza sui loro conflitti di interessi, poi ci chiedano i sacrifici.[Alessandra Mussolini, Popolo della Libertà]

 

Siamo furibondi. Fini e Schifani non pensino di fare questa operazione sulla testa delle nuove generazioni. [Francesco Boccia, Partito Democratico]

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento