•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 12 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Grillo condannato per diffamazione

Grillo condannato per diffamazione

Non bastava la pioggia di denunce arrivata da ogni dove per il suo incitamento all’eversione. Ora Beppe Grillo deve far fronte ad un altro grattacapo dovuto alla sua intemperanza. Il leader dei Cinque Stelle è stato infatti condannato  in primo grado dal Tribunale di Genova a mille euro di multa e al risarcimento dei danni al tesoriere del Pd, Antonio Misiani al Partito Democratico per la pubblicazione sul blog beppegrillo.it di un articolo dal titolo “I tesorieri’’ in data 4 maggio 2012 . Nell’articolo si accomunava la foto di Misiani – montata come una immagine segnaletica della polizia – a quella dei tesorieri Lusi e Belsito, effettivamente indagati per sottrazione di denaro pubblico e raggiunti da misure di custodia cautelare, incitando così il lettore a credere che anche Misiani fosse interessato da indagini dell’autorità giudiziaria inquirente.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

41 Commenti

  1. Salvatore Valentino ha scritto:

    Grillo non dire la verità..Poverini.Merde voi ,merde tutti quelli che vi appoggiano

  2. Armando De Giovanni ha scritto:

    E’ così che si zittiscono le voci scomode, che non piacciono , anche nei casi in cui magari si avvicinano alla verità .

  3. Alessandro Drago ha scritto:

    coraggio,continuate! magari vi beccate pure voi una bella condanna come il vostro Kapo!

  4. Salvatore Caputo ha scritto:

    …condanna più condanna meno…agli occhi dei suoi adepti resterà comunque il messia.

  5. Alan Ford ha scritto:

    lo sappiamo dal 4 maggio 2012, e allora?

  6. Giuseppe D'Urso ha scritto:

    Ora dirà anche lui che è vittima dei PM come il suo grande emulo.

  7. Laura Casula ha scritto:

    mille euro di multa..???…:O…

  8. Diego Gavazzeni ha scritto:

    “incitando così il lettore a credere”
    Me sembra un po’ una cazzata di condanna, ma vabbè.

  9. Jenny Mare ha scritto:

    io nn amo grillo…ma sembra una guerra all’ultimo scandalo dove ognuno spulcia nella vita degli altri x dire “anke lui si è macchiato di questa infamia tremenda”…tutto è possibile e se sbaglia come tutti è giusto ke paghi…ma nn dimentikiamo ke ha alzato il tappeto dove sotto c’era nascosta laspazzatura di oltre un ventennio di guai tremendamente ben peggiori….di quelle ke ci vorranno anni…generazioni…x tentare di recuperare un po di pulizia..sarà mai possibile???? voglio crederci

  10. Luca Palazzi ha scritto:

    gomblotto!!11

  11. Eschimo Quaranta ha scritto:

    Armando, la verità non è ne vicina ne lontana, è semplicemente la verità. Grillo non ne è certo il paladino….

  12. Moris Bonacini ha scritto:

    buffone

  13. Alfredo Musumeci ha scritto:

    grillo e una voce scomoda……….ed io sono un profeta

  14. Antonio Desogus ha scritto:

    A te chi ti appoggia FOGNA!!!

  15. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Un profeta magari no. Uno che non sa dove mettere gli accenti, quello sicuramente si.

  16. Alessandro Sbarufatti ha scritto:

    Studente di giurisprudenza che finirà a fare il cassiere in un supermercato in 3…2…1…

  17. Guido Fawkes ha scritto:

    chi, quello che lui stesso chiama “testa d’asfalto”?

  18. Carlo Bergonzoni ha scritto:

    Vivaddio, c’è la legge anche per questo pluricondannato cialtrone.

  19. Alessandro Nizzoli ha scritto:

    Parli del socio del PD? L’amicone di D’Alema?

  20. Alessandro Nizzoli ha scritto:

    )) francamente fa un po ridere questa condanna ma è quello che attendono TV e giornali per darlo in pasto ai rincoglioniti.

  21. Alessandro Nizzoli ha scritto:

    Spero che non ti riferisca all’incidente dove perirono 3 amici, sarebbe meschino attaccarsi ad una tragedia che auguro non accada a nessuno. Quali sarebbero le pluricondanne?

  22. Alessandro Nizzoli ha scritto:

    Chi è il tuo messia? Di chi sei adepto per scrivere tali stupidaggini?

  23. Carlo Bergonzoni ha scritto:

    Diffamazione, più volte. Anche nei confronti di quella grandissima signora che si chiamava Levi Montalcini (definita “vecchia puttana”)

  24. Carlo Bergonzoni ha scritto:

    Puoi comunque, Nizzoli, continuare a gorgogliare rutti nella caserma di Beppe. Lui ha bisogno di storditi.

  25. Pira Domenico ha scritto:

    E’ ora che comincia a pagare per tutte le sue cazzate!

  26. Aristide Florenzano ha scritto:

    cazzate !!! informatevi bene… La Cassazione sul tema si è espressa in questi termini: Cass. Penale Sez. I sentenza 1061/1998 : “In tema di istigazione di militari a disobbedire alle leggi, di cui all’art. 266 cod. penale., per la compressione del diritto alla manifestazione del pensiero ed alla critica non può essere genericamente invocata la tutela di un interesse di rilievo costituzionale, quale l’Obbligo della fedeltà alle leggi che tutelano la disciplina militare, giacché è necessario che la condotta vietata presenti anche un contenuto immediatamente offensivo per il bene tutelato, in quanto solo il requisito di una concreta offensività per tale interesse riesce a superare e neutralizzare le garanzie poste dal sistema di libertà costituzionale. Infatti, il dolo richiesto dall’art. 266 cod. penale. non si concreta nella sola coscienza e volontà dell’Azione, ma si richiede che la stessa sia idonea a determinare il pericolo della disobbedienza alle leggi. Ne deriva che non ogni manifestazione di pensiero o di critica che può essere valutata sfavorevolmente costituisce reato di istigazione – giacché in tal caso potrebbe ravvisarsi una repressione della diffusione di ideologie politiche e sociali – bensì il solo diretto o indiretto incitamento all’Azione, la quale leda l’interesse che la norma intende proteggere (in quanto suscettibile di provocare uno di quei comportamenti, che la predetta norma vuole impedire, attraverso l’Azione sulla psiche dei destinatari).”
    Ora, in considerazione delle ricorrenti polemiche sull’operato delle forze dell’ordine – in particolare quanto al frequente ricorso talora esagerato alle “cariche” – e atteso come Beppe Grillo ha già trattato il tema un anno fa nel post “Soldato Blu” sul blog, in occasione di una carica della Polizia a Roma a studenti filopalestinesi, mi sembra abbastanza evidente che il significato della lettera aperta di Grillo non possa essere inteso, tenuto conto degli orientamenti della Cassazione, come un concreto invito alla ribellione, ma casomai a evitare “eccessi di zelo”, quegli eccessi di zelo che in concreto significano “proteggere I politici”, specie laddove si fronteggiano cariche ed altre iniziative spropositate rispetto a proteste del tutto pacifiste e non violente, come sono anche quelle in corso a parte qualche eccesso isolato addebitabile a pochi facinorosi.
    La denuncia, peraltro redatta in modo abbastanza sciatto, sembra casomai l’evidente portato di un nervo scoperto che l’atteggiamento diffuso della Polizia soprattutto a Torino e in Lombardia ha messo a nudo: infatti chi ha seguito con attenzione la vicenda ha potuto constatare che più sindacati di Polizia (Siulp, vicino a Cgil-Cisl-Uil, poi correttosi sicuramente a causa di pressioni del Pd, e Ugl polizia, vicino al centrodestra e in particolare all’ex AN) avevano espressamente menzionato il gesto di togliere I caschi come un segno di comprensione e solidarietà nei confronti dei manifestanti, a cui si sono sovrapposti comunicati delle Questure che sembravano dire qualcosa di diverso.
    Sicuramente al potere politico che si crei una nuova consapevolezza nelle forze dell’ordine, non certo nel senso di tollerare attacchi violenti alle istituzioni o alle persone dei loro rappresentanti, bensì nel senso di un’auspicata “vicinanza al popolo” a fronte della cieca esecuzione di “cariche” con eccesso di zelo che sovente si è verificata anche dinanzi a manifestazioni assolutamente inoffensivo, è un fatto che fa paura. Nessuna sorpresa che ciò spinga soggetti come quelli che hanno fatto la denuncia, appartenenti a Scelta Civica (uno di essi è figlio del capogruppo del partitino di Monti al Senato, l’altro pare sia stato candidato a Milano con scarso successo) e quindi a un campo decisamente antipopolare e nettamente schierato con BCE, Troika eccetera, a iniziative intempestive come queste. Cordiali saluti.

  27. Elsinore Castello ha scritto:

    I comici possono dire tutto

  28. Perini Luigi ha scritto:

    i tre amici morirono a causa non di un semplice incidente: ma dalla presunzione da padrino di periferia (con un SUV su strada ghiacciata e chiusa al traffico per provare l’effetto che fa) . Per tre morti non un secondo di galera… Coraggio ditelo: “ma ha pagato un sacco di soldi”

  29. Enrico Villari ha scritto:

    Come il suo alleato Berluscone Ladrone vive nell’Illegalita’ !!!!!!!!!!

  30. Salvatore Valentino ha scritto:

    Scusa,non volevi dire la realtá..

  31. Antonio De Monte ha scritto:

    Nel suo invasamento per sputtanare i suoi avversari-nemici utilizza qualsiasi mezzo lecito o illecito e questa volta è stato preso con le mani nella marmellata!

  32. Maria Damaso ha scritto:

    se questo gli facesse chiudere un pò la bocca…

  33. FabrizioStier ha scritto:

    Certo solo i fedele del capocomico e del capellone scemo sono furbi! Complimenti! Comfermate il livello dal quale guardate il mondo: la fogna!

  34. FabrizioStier ha scritto:

    Sollevati dalle fogne dove ti ha buttato un pessimo comico e un imprenditore che crede nei marziani.
    La vita è bella, odiare il prossimo porta male!

  35. FabrizioStier ha scritto:

    Questa condanna censura il suo modo di fare politica. Tutti ladri! Finalmente questo demagogo pericoloso viene punito per le bugie e l’odio che ha sparso senza ritegno per il paese.
    Questa sentenza deve essere sempre ricordata a tutti i fedeli di Grillo e Casaleggio associati.

  36. Lucio Bufo ha scritto:

    ben fatto!

  37. Salvatore Caputo ha scritto:

    Sono un adepto della ragione…non mi faccio abbindolare da un ex comico, nemmeno tanto bravo, che un giorno approfitta dei condoni berlusconiani e ll’altro fa il messia di una setta. Voi siete deboli di cervello x credere a quel buffone come, tanti di voi, hanno creduto al pagliaccio pregiudicato per 20 anni. E sarei io a dire stupidaggini…robe da matti

  38. Tito Bambini ha scritto:

    BUFFONE….

  39. Mauro Tornaghi ha scritto:

    non può continuare add insultare tutto e tutti e sperare di farla sempre franca.

  40. Adriana Marbini ha scritto:

    adesso che va a braccetto con Berlusconi darà la colpa ai giudici

Lascia un commento