•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Anche per il governo ora i figli sono tutti uguali

i figli sono tutti uguali

Anche per il governo ora i figli sono tutti uguali

Un primo passo era stato fatto a luglio, ora ci dovrebbe essere l’ultimo: il Consiglio dei ministri ha approvato oggi un decreto legislativo che, intervenendo sulle disposizioni relative alla filiazione, cancella ogni differenza tra i figli nati dentro o fuori dal matrimonio, eliminando allo stesso tempo dal codice civile ogni aggettivazione che comporti “possibili forme di discriminazione”. Per Letta “si toglie dal codice civile qualunque aggettivazione alla parola figli: da adesso in poi saranno tutti figli e basta”.

Il testo, predisposto dalla Commissione istituita presso la presidenza del Consiglio dei ministri presieduta da Cesare Massimo Bianca (uno dei massimi studiosi di diritto civile), stabilisce “l’introduzione del principio dell’unicità dello stato di figlio, anche adottivo, e conseguentemente l’eliminazione dei riferimenti presenti nelle norme ai figli ‘legittimi’ e ai figli ‘naturali’ e la sostituzione degli stessi con quello di ‘figlio'”.

letta i figli sono tutti uguali

Molte differenze, in realtà, erano già state cancellare con il tempo, ma qualcosa era rimasto e ora di fatto viene demolito: ad esempio, ora chi nasce fuori dal matrimonio ha diritti successori verso tutti i parenti e non solo verso i genitori; cambiano le norme di diritto internazionale privato per aderire al principio della “unificazione dello stato di figlio”. Nello stesso decreto legislativo si riconosce un ruolo determinante ai nonni (cui viene riconosciuto il diritto di “mantenere rapporti significativi con i minori”) e si dismette un concetto storico e un po’ frusto come quello di “potestà genitoriale”, sostituendolo con “responsabilità genitoriale”.

Si è colta anche l’occasione per recepire la giurisprudenza della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione in materia di disconoscimento di paternità, limitando a cinque anni dalla nascita i termini per proporre l’azione di disconoscimento; sono invece aumentati a dieci anni i termini entro i quali i figli nati fuori dal matrimonio possono accettare una eredità (e soprattutto si cancella del tutto un altro dei residui della vecchia impostazione del codice, che prevedeva la possibilità per i figli legittimi di “liquidare” con una somma di denaro o determinati beni immobili l’eredità dei figli naturali, a meno che non si opponessero).

Da ultimo, si approfitta dell’intervento normativo per Introdurre e disciplinare l’ascolto dei minori, se capaci di discernimento, all’interno dei procedimenti che li riguardano.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Adolfo Carbone
Adolfo Carbone

Ma questo principio non era stato già sancito dalla legge 10.12.2012 n.219,pubblicata in G.U.il 17.12.2012 n.293,che ha eliminato ogni discriminazione tra i figli nati nel e fuori del matrimonio e che stabilisce che i figli sono figli e sono tutti uguali.

Alan Ford
Alan Ford

anche nel burundi, da sempre e senza che lo dicesse lettino, il ruolo dei nonni è riconosciuto. Ma siamo su scherzi a parte?