•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 15 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Dietro la vittoria di Matteo Renzi

renzi

L’ufficializzazione dei risultati delle primarie del Partito Democratico che hanno portato Matteo Renzi alla vittoria e al ruolo di segretario (il quinto in sei anni di vita del partito dopo Veltroni, Franceschini, Bersani ed Epifani), consentono di capire come è maturata la vittoria del sindaco di Firenze; tuttavia, prima di affrontare l’analisi dei dati e soprattutto dei raffronti con le consultazioni precedenti, è già possibile interrogarsi sul perché Renzi sia riuscito a imporsi nella competizione, per di più a prevalendo con un risultato di una simile portata.

Sono molti i commentatori politici che hanno posto l’accento sul programma del sindaco di Firenze, sulla svolta blairiana, su una nuova idea di sinistra; eppure, più che cause, queste paiono essere conseguenze. Il cittadino medio che si è messo in fila alle primarie aveva in mente davvero la riforma dell’Art. 138 della Costituzione o il superamento del bicameralismo perfetto? Aveva in mente la flexsecurity o il ruolo dell’Italia nella crisi siriana? È il modo in cui il PD e con lui la politica italiana si porranno su questi temi a dipendere dalla vittoria di Renzi, piuttosto che il contrario.

Molte opinioni raccolte ai seggi, pur se non classificabili in un vero e proprio sondaggio, lasciano indicare come le consultazioni della base PD si siano trasformate in un referendum sul suo candidato favorito più che su uno scontro politico in senso stretto, referendum che Renzi ha vinto principalmente per due motivi.

renzi

In primo luogo Renzi è visto generalmente come il solo leader spendibile nel campo di centrosinistra in una competizione elettorale, e questo fattore è stato spesso determinante nell’assegnazione del voto verso di lui. Contrariamente a quanto avviene spesso nelle primarie americane, che tendono a premiare l’ala più radicale degli schieramenti, la logica che ha guidato molti votanti alle primarie PD è stata la semplice constatazione che la figura e la candidatura di Renzi non avrebbero retto una seconda sconfitta, e che quindi una vittoria di Cuperlo o Civati avrebbero definitivamente chiuso le porte della politica nazionale al sindaco di Firenze, facendo quindi venir meno la sola figura spendibile in termini elettorali sul fronte progressista.

Renzi si è costruito l’immagine di leader vincente a livello nazionale, immagine non offuscata ma in qualche modo rinvigorita – pur paradossalmente – dalla sconfitta alle primarie 2012, motivata dallo sbarramento da parte di una classe dirigente di sinistra che ne temeva l’avanzata. Il popolo di centrosinistra, proveniente da una storia politica costellata più di sconfitte che di vittorie, e reduce soprattutto da una cocente delusione elettorale nel mese di febbraio, ha fortemente e fermamente puntato sul candidato che offre le maggiori credenziali di vittoria elettorale.

Il fatto stesso che le primarie riguardassero l’elezione del segretario del PD piuttosto che del candidato alla Presidenza del Consiglio è passata in secondo piano rispetto alla necessità di non bruciare Matteo Renzi: sebbene fossero in molti a ritenere insoddisfacente o lacunosa la proposta del sindaco di Firenze sulla struttura, l’organizzazione ed il ruolo del partito sul territorio, questa considerazione non è stata determinante al momento dell’assegnazione del voto.

Il secondo tema rilevante è ovviamente quello della “rottamazione” per cui il sindaco di Firenze è negli anni diventato famoso, un tema più vivo che mai alla vista di una dirigenza politica ancora fermamente al potere malgrado le ultime, dolorose sconfitte, i patti di governo con Berlusconi, l’abbandono dei temi di sinistra su questioni focali come l’IMU, i rospi ingoiati per salvare Alfano e la Cancellieri, e questo solo per limitarsi alle esperienze più recenti.

Il sindaco di Firenze incarna l’idea di un rinnovamento totale, un modo per spazzare via una classe dirigente considerata fallita, autoreferenziale, e per di ormai appannata da commistioni con i gangli del potere a volte sfociati in scandali o procedimenti giudiziari. L’aperto sostegno di figure come Bersani e soprattutto D’Alema verso Gianni Cuperlo è stato in questo senso determinante nel traghettare molti voti verso Matteo Renzi e la sua battaglia.

primarie

Dal punto di vista prettamente politico gli slogan della sua campagna elettorale di maggior successo sono stati, senza alcun dubbio, la modifica della legge elettorale e l’abbattimento delle spese della politica, temi al tempo stesso molto semplici e la cui correlazione con la crisi economica e sociale è evidente e accertata per l’elettore medio.

Inoltre Renzi sembra in grado di imprimere al PD una svolta radicale nell’atteggiamento verso il Governo e le altre forze politiche, con un abbandono delle continue rinunce e sottomissioni, e provando veramente a dettare l’agenda politica del Paese, con uno slancio che il PD aveva smarrito dai tempi della campagna elettorale del 2007 – in cui però la preannunciata sconfitta rendeva indolore e poco oneroso usare certi toni. Grazie a questa strategia Renzi sta coltivando quello che forse è il sentimento più prezioso: l’orgoglio del popolo di sinistra per un partito ancorato alle sue decisioni, in grado di incalzare alleati e avversari e di non arretrare rispetto ai propri pilastri ideologici.

La vittoria di Renzi si è basata sull’immagine,  al momento l’elemento focale da coltivare per la sua leadership e per l’idea di partito che ha in mente; questo rende il PD un partito più personale di quanto lo sia mai stato, ma di un personalismo sancito dal suffragio popolare e da esso quindi adeguatamente controbilanciato. Resta tuttavia la volubilità delle vittorie costruite solo sull’immagine: se alle parole non seguiranno i fatti la popolarità del sindaco si trasformerà ben presto in delusione. Questo Renzi lo sa, e sa che non può dormire sonni tranquilli. E questa è forse la migliore garanzia per il Paese.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Antonino Segreto
Antonino Segreto

Sono un "giovane vecchio" lottatore ed ho sempre visto il bicchiere mezzo pieno cercando di riempirlo. Naturalmente è duro confrontarsi e combattere con chi ha il potere, il denaro, mezzi d'informazione e tanto altro ancora. Non dico di avere sofferto la fame ma con molti sacrifici, in contesti difficilissimi come la mancanza dell'impianto dell'acqua in casa, ho raggiunto assieme ai Lavoratori risultati soddisfacenti. Nessuno Ti regala nulla special modo i padroni, pubblici e privati, importante essere leali partecipando democraticamente per qualsiasi rivendicazione, tenendo sempre un comportamento di autogestione in modo da non causare danni ai Tuoi simili. Quindi intelligenza e strategie corrette per ricevere la massima solidarietà da parte dell'opinione pubblica. Auguri!

Luigi Russo
Luigi Russo

antonio ma non sei stanco di crederci ...?

Antonino Segreto
Antonino Segreto

Vedremo, vedremo come si comporterà il giovincello oggi che ha raggiunto la maggiore età .San Tommaso è sempre in Noi!

Luigi Russo
Luigi Russo

se la politica avesse fatto un decimo di tutte le promese fatte non saremmo a questo punto ma se hai sentito il discorso di renzi capisci bene che è una buffonata,basta parole fatti grillo ha rinunciato ai rimborsi il pd no grillo riduce gli stipendi il pd no che ha mantenuto le promesse??

Sergio Jí Ào Radano
Sergio Jí Ào Radano

senza finanziamento pubblico ai partiti, potranno candidarsi solo coloro che già hanno una basca di soldi o chi è finanziato dalle lobby quindi fa quello che dicono loro, senza finanziamento ai partiti potranno esistere solo politici come berlusconi o partiti come il pd. bene bene.. di male in peggio.

Antonino Segreto
Antonino Segreto

Se questo signore fa le cose che dice mi sa tanto che Grillo può tornarsene tranquillamente a fare cabaret magari per lui ci guadagnerà pure, poverino comè.

Armando Scala
Armando Scala

UN DISCORSO INUTILE,RINUNCIA AL RIMBORSO DA SUBITO DA DOMANI,NON CON UN Do ut des.

Paola Sirio
Paola Sirio

Ho votato cuperlo ma devo dire che questo sta azzecca ndo parecchie cose