•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 10 dicembre, 2011

articolo scritto da:

Siamo sicuri che sia questa la “casta”?

“casta”

“La titolarità di qualsiasi carica, ufficio o organo di natura elettiva di un ente territoriale non previsto dalla Costituzione è a titolo esclusivamente onorifico e non può essere fonte di alcuna forma di remunerazione, indennità o gettone di presenza.”

[ad]Questa è una delle norme (Capo III Riduzioni di spesa. Costi degli apparati) contenuta nel Dl 201/2011: «Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici», presentato dal Governo di Mario Monti, firmato dal Presidente Giorgio Napolitano, ora all’esame delle commissioni parlamentari, prima della maratona per l’approvazione che si svolgerà sabato e domenica in Parlamento.

La norma rientra in un (primo?) tentativo del nuovo esecutivo di muovere qualche (timido) passo per andare a incidere sui costi della politica che tanta indignazione hanno suscitato e continuano a suscitare tra i cittadini del nostro paese.

A maggior ragione in un momento come questo, dove le misure contenute nella nuova manovra del governo andranno a incidere pesantemente sulla vita dei cittadini (Imu, riforma delle pensioni, aumento del costo del carburante, solo per citare le più eclatanti).

La norma inserita del DI interessa anche i consigli di zona delle grandi città, come ad esempio Milano.

E qui sono cominciati i mal di pancia.

“casta”

A Milano, solo nelle fila del PD, sono stati eletti 140 consiglieri di zona, di cui tanti alla prima esperienza, molti “Under 30”.

Uno dei punti di orgoglio del Partito Democratico milanese è stato proprio l’aver portato al governo della città, attraverso le zone (che, ricordiamo, a Milano sono 9 e corrispondono per estensione e numero di abitanti a una media città italiana) facce, energie e competenze nuove.

Che stanno lavorando, investendo  tempo per seguire i lavori del consiglio e delle commissioni, per essere punto di riferimento positivo per i cittadini sul territorio.

Appare dunque comprensibile il malcontento e la preoccupazione che ha iniziato a diffondersi tra i consiglieri, in particolare quelli più giovani, che si vedrebbero di colpo togliere ogni forma, anche minima, di riconoscimento economico del loro lavoro e del loro impegno.

“Molti di noi sono impegnati nello studio e nel lavoro. Rinunciare a quel rimborso spese significherebbe non poterci permettere di proseguire nel lavoro iniziato sei mesi fa, per cui moltissimi cittadini ci hanno votato, dandoci fiducia. Alcuni di noi sarebbero costretti a dimettersi o comunque non potrebbero continuare con la stessa costanza e con lo stesso impegno fino ad oggi dedicato all’Amministrazione Pubblica. Non vogliamo tornare all’ottocento, quando fare politica era un lusso per pochi.”

Questo affermano i consiglieri under 30 eletti nei consigli di zona.

Chiedono attenzione e pongono una questione non banale: mettere i giovani nelle condizioni (minime) di essere protagonisti attivi della politica e del governo della città.

Le soluzioni per iniziare a incidere davvero sui costi della politica possono essere molte.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Secondo voi alla fine ci sarà la scissione nel Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: