•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 24 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Scarpellini: la verità sui miei palazzi affittati alla Camera

Scarpellini

Scarpellini: la verità sui miei palazzi affittati alla Camera

La questione riguardante il salatissimo contratto di locazione di Palazzo Marini (444.000.000 di euro spesi in diciotto anni di utilizzo dei quattro edifici dello storico stabile) ha messo in luce colui che è il locatario dell’immobile di cui la Camera dei Deputati fa uso: Sergio Scarpellini.

Scarpellini

Definito da più parti come un vero e proprio lobbista, le sue stesse parole hanno lasciato intendere non potesse fare altro nella vita: “durante la campagna elettorale vengono qui bianchi, rossi e verdi e noi un contributo lo diamo sempre. A tutti. Gli imprenditori romani fanno così”. Intervistato da Il Fatto Quotidiano, lima la cifra mastodontica al ribasso: 369 milioni di euro. Lancia poi una frecciatina alle male oculate spese di Montecitorio: “se volevano con questo denaro un paio di palazzi li potevano acquistare”. Continua “avevano un diritto di opzione  – ovvero un diritto nel quale una parte (Scarpellini, il concedente) si impegna a tenere ferma una proposta, mentre l’altra parte (Montecitorio, l’opzionario) ha il potere di accettare o meno anche se il concedente ha modificato opinione – perché non l’hanno sfruttata? Se mi chiamano, vendo di corsa. Anzi, ci metto pure un fiocco su, però si devono prendere il personale (circa cinquecento dipendenti che altrimenti sarebbero licenziati, ndr). Per me questa storia è diventata una rogna. E la Camera ci risparmia .

E quando il giornalista del quotidiano diretto da Antonio Padellaro chiede cosa farebbe a posto della locazione alla Camera, Scarpellini non ha dubbi: “hotel di lusso”. Ma gli uffici di Montecitorio dove si sposterebbero? Da nessuna parte fa intendere il lobbysta: “i palazzi vicini erano i miei, potevano venire soltanto da me”.

Conclude volendo “far sapere” i veri conti di quei palazzi: “dai soldi guadagnati affittando palazzi alla Camera dal ’97 occorre levare l’Iva” e poi “togliere il 50% di tasse. E poi ci sono gli interessi bancari”.

 

Daniele Errera


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Alessandro Lodi
Alessandro Lodi

Tanto paghamo sempre noi...spero che brucerete all'Inferno!

Matteo Mastrovito
Matteo Mastrovito

Corrotti fino al midollo.....tutti a Roma.....mi avete gonfiato i c....oni come due mongolfiere....ci vorrebbe un laser per tagliare intorno al confine di Roma e farla andare negli abissi dei vulcani a bruciare...

Alf Manc
Alf Manc

non avevo dubbi...tutti uguali...

Lucente Michele
Lucente Michele

Scommetto che l'hanno fatto Cavaliere ????? Per i servizi resi alla comunità!!!!!

Francesco Vizzi
Francesco Vizzi

Parassiti, gente che ci ruba e vive con le nostre tasse che il governo ci impone di pagare,attraverso il sudore del nostro lavoro.

Trackbacks

  1. […] La notizia è importante, se non altro perché il 30 dicembre scadevano i 60 giorni di vigenza del decreto che riguardava appunto le sole misure a tutela del comune di Roma (per consentire la redazione e l’approvazione del bilancio) e quindi entro quella data la conversione doveva essere completata con l’ultimo passaggio al Senato. Pare però che Enrico Letta si sia confrontato con il Capo dello Stato, che avrebbe espresso un parere molto negativo sul testo che via via si era appesantito, con norme che nulla avevano a che fare con il corpo originario. Proprio come nel più classico assalto alla diligenza alle leggi finanziarie.La scelta di rinunciare al decreto arriva dopo giorni di polemiche roventi (al punto che ieri il governo aveva scelto di porre la questione di fiducia, superandola). Si era fatto sentire soprattutto il MoVimento 5 Stelle sulla norma che di fatto non consentiva più – come originariamente previsto da un emendamento – alle amministrazioni pubbliche e agli organi costituzionali di recedere da contratti di locazione troppo onerosi. […]