•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 28 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Doppi incarichi: così tanti, così incontrollabili

doppi incarichi

Doppi incarichi: così tanti, così incontrollabili

Doppi lavori. Se ne occupa il Fatto Quotidiano denunciando il caso di Padova: un’immoralità diffusa, tale da stimare più dipendenti di Palazzo Moroni allo stesso tempo stipendiati da altri enti.

E’ il 5 dicembre quando viene alla luce il caso ‘doppi incarichi’ dei lavoratori del Comune veneto. Daniele Formaggio, cerimoniere comunale, è al centro di polemiche: Flavio Zanonato, Ministro dello Sviluppo Economico (ed ex sindaco della città, ndr), lo nomina, per il Ministero da lui presieduto, consulente a domicilio presso la Prefettura padovana. Sono 65.000 euro lordi l’anno.

Zanonato

Ma è solo uno dei tanti. Anche il capo settore della Protezione Civile cittadina, Gaetano Natarella, fa parte della lista: da maggio 2012 lavora anche per Veneranda Arca di Sant’Antonio, ente che gestisce il patrimonio della omonima basilica padovana. Fine? Troppo poco: Natarella è anche il responsabile della sicurezza dello stadio Euganeo ed addirittura lavora per la società calcistica Padova che, guarda caso, utilizza l’Euganeo come impianto sportivo.

E la legge cosa dice? E’ il TUEL, Testo Unico degli Enti Locali a disciplinare la materia: solo i dipendenti a tempo parziale “purché autorizzati dall’amministrazione di appartenenza, possono prestare attività lavorativa presso altri enti”. Il conflitto di interessi è sentenziabile qualora il secondo lavoro sia incompatibile con la carica pubblica ricoperta. Ed il controllo è opera dell’Autorità nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle Amministrazioni Pubbliche, l’A.N.A.C.

Questa commissione, istituita nel 2010 dall’allora Ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta, sostiene però di non avere mezzi adeguati: “noi non possiamo passare al setaccio tutti gli incarichi autorizzati dai Comuni italiani ai loro dipendenti, è un’operazione impossibile. Anche perché siamo solo in 30 persone. Allora ci limitiamo a raccogliere le segnalazioni da parte dei cittadini via mail e verifichiamo le situazioni di incompatibilità con la legge”.

Brunetta attacca la Rai "Troppo spazio alle primarie"

Ma le pene sono superficiali: la legge anticorruzione voluta durante il Governo Monti non prevede dimissioni forzate, ma solo tagli ai premi di fine anno. E la pagina web sui siti istituzionali dei Comuni, nella quale andrebbe pubblicata la lista dei doppi incarichi, spesso non c’è o se è stata creata non ha la sezione in questione. Eppure è un obbligo. Una situazione presente dalle Alpi alla Sicilia: tutto il mondo è paese.

Daniele Errera


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
Giusi Verde
Giusi Verde

Impossibile controllare se si è inetti e/o in malafede. In altre culture ci riescono.

Sandro Di Spigna
Sandro Di Spigna

soldi su soldi ... dificile che qualcuno della casta rinunci ...

Angelo Tarola
Angelo Tarola

poliziotto che arrangia viene licenziato politico con 5 poltrone viene elogiato GIUSTIZIA DI STATO

Pietro Favaro
Pietro Favaro

Doppio, triplo incarico e in conflitto di interessi. Non ci vuole niente per controllare i vari doppi incarichi assegnati alle persone, salvo poi vedere se possono essere svolti dalla stessa persona, a titolo oneroso ma anche a titolo gratuito; si perché alle volte anche quello a titolo gratuito può essere in conflitto. Per fare questo ci vuole solo la VOLONTA’, in quanto, tramite il Ministero delle Finanze, la G. di F., l’Agenzie delle Entrate ed Equitalia Gerit SPA, basta controllare i movimenti di denaro. Noi tutti persone fisiche e giuridiche abbiamo un Codice Fiscale, quindi incrociando i dati dell’anagrafe tributaria si cominci a vedere quanti sono, chi sono e quanto percepiscono tutte queste persone interessate, e poi si farà la valutazione se è giusto o no avere tutti gli incarichi attribuiti e forse …. male svolti …. Le 30 persone di cui parla Brunetta, che fanno parte di una commissione, invece di aspettare SOLO le segnalazioni (delazioni) dei cittadini, possono lavorare sulle segnalazioni dell’anagrafe tributaria, ed entrare nel merito sulla bontà o meno del doppio incarico. E visto che il pesce puzza dalla testa, perché non si comincia dai vari presidenti degli enti statali, parastatali, regionali, provinciali, comunali, nonché delle varie aziende municipalizzate …. ecc … basta cominciare ed avere le idee chiare su ciò che si vuole ottenere … forse è proprio questo quello che manca ????

Pennetta Arnaldo
Pennetta Arnaldo

ringraziamo Renzi se riuscira' a salvarci dagli estremismi in un'ottica di democrazia matura.

Trevisani Giuseppe
Trevisani Giuseppe

Non è vero bisogna voler controllare, invece alla classe politica che nomina personaggi a tutti i livelli e in tutti i gangli istituzionali, va bene così. I controlli vanno fatti partendo dal basso, cioè dai comuni che assumono amici di amici senza alcun controllo a con concorsi truccati e curricula ad personam. Che dire poi delle province, autentico rifugio per trombati inmpiegati in ruoli dove non si guadagnano neppure l'acqua che bevono. Non parliamo poi degli eserciti d'impiegati delle regioni