•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 29 dicembre, 2011

articolo scritto da:

Chi vuole tornare al voto?

voto

Dopo la luna di miele forse più breve della storia, nessuno, a quanto pare, ama più il Governo Monti.
La reazione, dopo una manovra economica fatta prevalentemente di entrate, percepita come l’ennesimo, ulteriore, prelievo forzoso a chi ha sempre pagato le tasse, con una riforma delle pensioni particolarmente amara, con un numero crescente di voci che vedono l’Italia comunque condannata al fallimento – previo risucchio di tutte le risorse disponibili – per volontà dei grandi gruppi della finanza mondiale, era forse scontata. Era lapalissiano che i partiti avrebbero iniziato a far risuonare i propri distinguo e i propri malumori verso il Governo, iniziando ad agitare i pugni e mostrare i muscoli per pretendere determinate riforme ed impedirne altre, e minacciando, qualora abbiano i numeri per farlo, le elezioni anticipate.
È tuttavia importante saper individuare, nelle dichiarazioni dei politici, quali indicano un chiaro ritorno alle urne e quali invece sono le frasi fatte scandite solo per tranquillizzare il proprio elettorato di riferimento, senza che vi siano vere mosse per staccare la spina al Governo Monti.

[ad]Il quadro di partenza è indubbiamente il cui prodest, ed in questo frangente vi sono tre fattori di cui tenere conto, uno politico e due elettorali.
L’elemento politico riguarda la collocazione, nei primi quattro mesi del 2012, di circa duecento miliardi di euro di titoli di stato sul mercato. Gli interessi a cui tali titoli saranno collocati sarà determinante nel definire la sostenibilità del nostro debito pubblico negli anni a venire, e la responsabilità politica di un’asta fallimentare – con gli ulteriori durissini tagli che ne seguirebbero – sarebbe troppa da sopportare per qualsiasi formazione politica. Lo scudo formato da un governo tecnico a cui scaricare le responsabilità maggiori è utile tanto alle forze che sostengono oggi Mario Monti quanto a quelle che lo avversano: per le prime, naturalmente, sono a disposizione gli appelli al bene comune e alla salvezza del Paese, a scelte condivise che non soddisfano appieno ma che era necessario sostenere in sede parlamentare; alle seconde, invece, fa semplicemente comodo il ruolo di opposizione per pontificare senza prendersi alcuna responsabilità di offrire un’alternativa o compiere scelte magari dolorose.
Il secondo tema, uno spauracchio all’orizzonte per molte forze politiche, è il referendum sulla legge elettorale, che – se considerato ammissibile dalla Corte Costituzionale – permetterà in caso di esito favorevole di abrogare la Legge 270/2005 varata dal Governo Berlusconi III per ripristinare la legge elettorale precedente, il cosiddetto Mattarellum (Legge 276/1993 e Legge 277/1993). Malgrado a parole tutte le forze politiche deprechino questo o quell’aspetto del Porcellum, è chiaro che le forze della ex-maggioranza di centrodestra sarebbero le più interessate a disinnescare quest’arma facendo cadere il Governo Monti prima dell’appuntamento referendario e andare a votare con l’attuale legge elettorale, specialmente dopo che l’esperienza referendaria del 2011 ha dimostrato come il raggiungimento del quorum non sia un obiettivo utopico. Per il Partito Democratico la scelta migliore sarebbe invece una nuova legge elettorale promulgata dal Parlamento, non ritrovandosi né nel Porcellum né nel Mattarellum, ma è chiaro che se si dovesse arrivare al referendum questo non potrebbe essere un motivo valido per il partito di Bersani per interrompere l’esperienza di Governo. Ancora più ostili all’attuale legge elettorale sono IdV e Terzo Polo, il primo per motivi ideologici, il secondo perché sarebbe sicuramente favorito da una qualsiasi legge che non preveda unaa definizione ferrea delle coalizioni prima del voto.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Dario Cafiero
Dario Cafiero

Si fa presto a dire "un maggioritario" . Ad esempio, nei maggioritari delle comunali (di maggio 2011) il Terzo Polo ha contato davvero pochissimo (penso a Torino e Milano, tanto per fare due esempi). Inoltre ci sono altri due aspetti: Casini ha DA SEMPRE spinto per un proporzionale alla tedesca (guarda caso, mi vien da dire) ed i tre partiti hanno un elettorato fortemente radicato a livello territoriale/regionale (per lo più nel Mezzogiorno). Quindi l'eventualità di un appoggio ad un maggioritario da parte del neo-Psi (per il ruolo che vorrebbe avere nella formazione dei governi) lo vedo moooolto improbabile

Paolo Salucci
Paolo Salucci

Caro dario dimentichi una cosa , con un maggioritario il terzo polo al 10% sarebbe decisivo in meta' dei collegi e potrebbe andare al governo qualunque sia la contingenza politica

Dario Cafiero
Dario Cafiero

Ah, dimenticavo. Tra l'altro l'attuale legge elettorale permette, alla Camera, la sopravvivenza rappresentativa dell'ApI dato che il porcellum garantisce la presenza a chi, nella COALIZIONE, raggiunga il 2% ed anche al maggior perdente al di sotto di tale soglia. Nel caso, proprio la formazione di Rutelli...

Dario Cafiero
Dario Cafiero

Ringraziando per la "mente debole", sfido chiunque a trovare una dichiarazione di un qualsiasi esponente del terzo polo apertamente critica all'attuale legge elettorale. Ma se le parole valgono quello che valgono, cioè niente, passiamo ai numeri. Dire che questa legge premia i meccanismi coalittivi è vero, ma è una FESSERIA dire che non convenga attualmente al Terzo polo, perché basta prendere il 10% (su base nazionale alla Camera, il 20% su base regionale al Senato) per concorrere alla ripartizione di seggi come "COALIZIONE", ed il Terzo Polo al 10% nazionale c'arriva abbondantemente. Inoltre, al Senato, il 20% regionale è facilmente raggiungibile - sempre da parte di Casini e co - al sud, e presentandosi come coalizione andrebbe a mangiare ancora più seggi a dx e sx. Messe così le cose, non credo che il Terzo polo possa essere contrario all'attuale legge elettorale.

Andrea Mariuzzo
Andrea Mariuzzo

dire che il terzo polo, anche solo per il nome che gli è stato attribuito, possa essere favorevole a una legge elettorale che premia i meccanismi coalittivi in questo modo, è questa s' una FESSERIA di dimensioni bibliche (i ghostbusters hanno lasciato residui tossici nelle menti deboli...). e ciò indipendentemente da tutto quello che Casini possa aver detto o non detto quando gli facevano comodo altre cose.

Dario Cafiero
Dario Cafiero

Ostili all'attuale legge elettorale quelli del Terzo Polo? Questa è una FESSERIA di dimensioni bibliche! L'Udc è stato tra i propositori della legge e Casini ha sempre deviato le domande in materia di legge elettorale. Vabbè che ora appoggiare il Terzo Polo fa figo (vedi La7), però sarebbe meglio - da parte di chi analizza l'attuale scenario politico - un po' più di veridicità.