•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 13 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Il tanto atteso esonero di Massimiliano Allegri

allegri-nazionale

Massimiliano Allegri non è più l’allenatore del Milan. Con un comunicato, apparso poco dopo le 11 sul sito del Milan, viene ufficializzato quanto era già nell’aria dopo la vergognosa batosta subita a Reggio Emilia contro un sorprendente Sassuolo.

ESONERO UFFICIALE – “L’AC Milan comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra, con effetto immediato, il Signor Massimiliano Allegri e il suo staff. L’AC Milan desidera ringraziare il Signor Allegri e il suo staff per l’opera svolta e augura loro i migliori successi professionali. La squadra è provvisoriamente affidata alla guida tecnica del Signor Mauro Tassotti”.

Una decisione presa, molto probabilmente, dopo il vertice avvenuto in mattinata tra Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, e doverosa per il bene del Milan. Per i rossoneri i numeri sono da retrocessione: dopo 19 giornate, il Milan ha raccolto solamente 22 punti, e, dopo il 4 a 3 rimediato contro i neroverdi di Di Francesco, è a +9 da Livorno e Catania, ultime in classifica.

FINE DI UN INCUBO? – Non si hanno ricordi, negli ultimi anni, di una squadra così in difficoltà e lontana dalle altre big del campionato. La rosa è inadeguata agli obiettivi stagionali, ed ogni reparto necessita di essere quanto prima aggiustato, mettendo mano al portafogli. In estate, durante i mesi di calcio mercato, sono stati commessi gravissimi errori da parte di una dirigenza vecchia e a tratti disinteressata. Si è speso poco e male, investendo troppo su giocatori ad oggi anonimi, Matri in primis. Ad Allegri vanno comunque riconosciute delle colpe più o meno gravi, a partire dalla sua incapacità di gestire una situazione che già dalle prime giornate appariva molto difficile. In queste 19 giornate si è visto un Milan senza anima e svogliato, quasi senza fame di vittoria.

A Mauro Tassotti è stata “provvisoriamente” affidata la guida tecnica, in attesa di una decisione da parte della società, che arriverà nelle prossime ore. Molto probabilmente il nuovo tecnico sarà Filippo Inzaghi, ora allenatore della Primavera del Milan. Ma dal Brasile c’è chi giura di aver visto Clarence Seedorf, il preferito del Cavaliere, imbarcarsi sul primo volo per Milano.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

"Termometro politico" o "termometro sportivo" ?

Marco Corvi
Marco Corvi

UN COLPEVOLE SERVIVA! ADESSO CI PENSA BARBARA, LEI CON I CALCIATORI CISA FARE.........

Bruno Bartolini
Bruno Bartolini

era ora,sempre troppo tardi, ora ci vorranno altri 2 anni per ottenere qualcosa,da milanista spero se ne vada anche il berlusca

Alfredo Pierucci
Alfredo Pierucci

Non concordo , egli è arrivato diversi decenni dopo che è nato il Milan e se ne andrà ( finalmente ), mentre la squadrà continuerà ad esistere . Un tifoso ( e la sua squadra ) è oltre la proprietà e va rispettato . Non sono milanista e la mia fede calcista è altrove .... sono molto contento che un tipo simile non abbia mai acquistato la mia squadra ma se lo avesse fatto non avrei mai cambiato bandiera .

Giorgen Rock
Giorgen Rock

Ah ah ah ah alla faccia di tutti i milanisti berlusconiani. Perché non puoi tifare per la squadra di berlusconi senza simpatizzare per lui

Matteo von Normann
Matteo von Normann

noi lo abbiamo fatto prima con l^uomo dai cento passaporti e dai mille schemi intercambibili solo per la sua testa di bovaro alpino [[f9.thumbsdown]]