•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 7 gennaio, 2012

articolo scritto da:

Google si butta in politica?

google election

Mentre eravamo, qui in Italia, tutti collegati a Twitter per seguire il testa a testa repubblicano in Iowa, negli Stati Uniti si assisteva al vero debutto di Google Elections, il portale predisposto dal gigante di Mountain View per consentire ai propri utenti di seguire il lungo anno elettorale che porterà, nel prossimo novembre, di vedere se Obama ce la farà ad avere il consenso per un seconod mandato o se invece la crisi economica metterà fine alla sua permanenza alla Casa Bianca.

[ad]Google Elections è in apparenza la risposta di Google a Twitter ovvero all’ “information network” più innovativo nell’agone politico e che anche in Italia sta spopolando presso politici, osservatori, giornalisti e media. Ed infatti la modalità con cui tratta i contenuti presenta alcuni tratti di Twitter: oltre al più classico modulo di Google News, anche filtrabili per candidati ed aree di competenza (http://www.google.com/elections/ed/us/home?q=economy), sono infatti presenti i Trend che, sulla base delle ricerche effettuate dagli utenti, monitorano il comportamento degli utenti ed il loro interesse nel tempo (http://www.google.com/elections/ed/us/trends).
Il portale offre infine i risultati definitivi, i contenuti video di Youtube, il calendario dei prossimi appuntamenti elettorali ed infine l’integrazione con Youtube.

Come sempre però, l’approccio di Google è double-side: laddove si intende offrire un servizio all’utente, si propone una leva operativa all’inserzionista ed infatti l’intento di Google Elections è supplire ad una mancanza di Twitter: un business model sostenibile grazie ad un vero strumento offerto a chi vuole acquisire visibilità. Gli “sponsored tweets” con cui Twitter sta indirizzandosi agli staff dei candidati devono ancora dimostrarsi efficaci laddove invece i “link sponsorizzati” di Google sono ormai consolidati, conosciuti e stabili dal punto di vista dell’efficacia e delle modalità di pianificazione. Ecco perchè Google Elections include il toolkit per gli assistenti di marketing dei candidati: con il Toolkit (http://www.google.com/elections/toolkit), Google offre tutti gli strumenti di comunicazione e di produttività perchè il digitale possa essere usato al meglio – e su un piano ancor più pervasivo di quanto fatto da Obama quattro anni fa – per acquisire visibilità nelle ricerche rilevanti (Ads), conversare con Google+ e Youtube, facilitare la condivisione dei contributi con Google+1 ed infine gestire al meglio i gruppi di discussione e di lavoro con le Apps, gli Hangouts e le mappe e i documenti collaborativi.

google election

Il digitale, con Facebook, ha ormai dato prova di influenzare il successo delle campagne elettorali. Dalla sua posizione di leader del mercato, Google per questa occasione ha deciso di non stare a guardare e di scendere nell’arena con un’offerta editoriale ad-hoc. Come si vede, è già in linea la versione egiziana: segno che questa strategia di Google è orientata a diventare un servizio per i candidati di tutto il mondo.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Termometro Politico
Termometro Politico

Google si Butta in Politica? | PromoBlog | Scoop.it says [...] jQuery("#errors*").hide(); window.location= data.themeInternalUrl; } }); } www.termometropolitico.it - Today, 11:47 [...]

Umberto Morgagni
Umberto Morgagni

A quando l'agenzia GooglePol? Avendo dati e competenze interne, oltre a produrre servizi potrebbero buttarsi nel campo in modo diretto... e una risposta da Facebook sarebbe interessante...