•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Allarme Cisl: oltre 200mila lavoratori a rischio

Istat, disoccupazione nuovo record negativo

Allarme Cisl: oltre 200mila lavoratori a rischio

L’Osservatorio Cisl lancia l’allarme: sono più di 200mila i lavoratori a rischio licenziamento.“Da una nostra elaborazione sui dati Inps, che tiene conto del tiraggio verificatosi nel 2012 e che esclude le persone collocate in cassa integrazione ordinaria, considerando quindi i soli lavoratori equivalenti coinvolti in cassa straordinaria e in deroga che possono più facilmente preludere a una perdita del posto di lavoro, i lavoratori equivalenti a rischio di perdita del lavoro sono 208.283”, riferiscono dal sindacato.

“Un numero in calo rispetto allo stesso periodo dello stesso anno ma ancora pericolosamente alto”: in realtà il numero è aumentato, avvertono sempre dalla Cisl, considerando che una parte dei lavoratori che è in Cassa Integrazione Guadagni (Cig) ha un contratto part-time e che la Cassa Integrazione non è sempre a zero ore.Nella nota si evidenzia che, nei primi 11 mesi del 2013, i lavoratori che hanno presentato domanda per il sussidio di disoccupazione e mobilità sono 1.949.570, il 32,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2012.Inoltre la cassa integrazione nel 2013 ha superato il miliardo di ore autorizzate, 90 milioni di ore mensili in media e la situazione non sembra destinata a cambiare. È bene precisare che dalle ore di cassa in deroga sono escluse quelle degli ultimi 3-4 mesi “in quanto in tutte le Regioni le autorizzazioni sono ferme in attesa del rifinanziamento che il Governo continua ad annunciare, ma che ancora non si è concretizzato”.In pratica si sta accentuando il passaggio da cassa integrazione a disoccupazione: la perdita di posti di lavoro sembra inarrestabile, si riducono anche i contratti a termine e le collaborazioni. In più non è solo il manifatturiero a essere colpito, a questo si sono aggiunti ormai anche l’edilizia, il settore più colpito nell’ultimo anno, e il terziario che, fino ad ora, aveva resistito.

Nell’industria in senso stretto, rispetto ai dati dell’anno scorso, gli occupati si sono ridotti del 2,2%, nell’edilizia addirittura del 7,1%. All’inizio del 2014, sul tavolo del Ministero per lo Sviluppo Economico, sono 159 le vertenze ancora aperte, 120mila i lavoratori interessati: nell’Osservatorio si calcola che gli esuberi si attestino intorno al 15% degli occupati delle imprese coinvolte.18 delle aziende sulle quali il Ministero ha aperto un dossier hanno dichiarato la cessazione delle attività, 2300 i lavoratori coinvolti, 12mila i posti di lavoro e 62 aziende, invece, sono stati salvati dagli accordi firmati. In ultima analisi, sottolineano dalla Cisl, tra i tavoli di crisi che verranno aperti nel 2014, sui quali si confronteranno MSE e sindacati, ci sono quelli riguardanti importanti e storici marchi di tutti i settori produttivi del paese: l’elettronica di Alcatel e Italtel, le ceramiche di Ideal Standard, il tessile di ITi Erre, le rinnovabili della Marcegaglia in particolare lo stabilimento di Taranto.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Claudio Turola ha scritto:

    per forza i sindacati poi che fanno.. piu niente!

Lascia un commento