•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 20 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Eurostat, in Italia più di 3 milioni di disoccupati

Eurostat, in Italia piu di 3 milioni di disoccupati

Eurostat, in Italia più di 3 milioni di disoccupati

Sono 3,3 milioni gli italiani che sarebbero disponibili a lavorare ma non cercano impiego. Lo rileva l’Eurostat, secondo cui il 13,1% della forza lavoro del Paese, nonostante sia a casa, non considera l’ipotesi di trovare un’occupazione. La percentuale è tre volte superiore rispetto alla media dell’Unione europea e, nel terzo trimestre del 2013, è salita su base tendenziale di 0,9 punti percentuali contro lo 0,4 registrato nell’Ue.

A non avere un lavoro nè cercarlo, secondo Eurostat, nel terzo trimestre era infatti il 13,1% della forza lavoro (quasi un punto in più del terzo trimestre 2012), un’enormità se si pensa che l’equivalente media dell’Ue a 28 membri è del 4,1%, praticamente un terzo della nostra.

Nel terzo trimestre 2013 in Italia i disoccupati in senso stretto erano 2,84 milioni. Il tasso di disoccupazione era pari all’11,3%, in crescita di 1,5 punti percentuali rispetto a un anno prima, mentre in Europa nello stesso periodo luglio-settembre il tasso dei senza lavoro era al 10,5% in crescita di appena 0,2 punti. L’Italia detiene appunto il record assoluto di coloro che sarebbero disponibili a lavorare ma non cercano, con il 13,1% della forza lavoro contro una percentuale di appena l’1,3% in Germania, il 2,5% nel Regno Unito e il 5,1% in Spagna (che comunque ha un tasso di disoccupazione del 26%) e il 10,1% in Croazia.

Eurostat in Italia piu di 3 milioni di disoccupati allarme disoccupazione

In Italia c’è invece una percentuale inferiore alla media di part time involontari, con il 2,2% a fronte del 4% medio europeo (4,1% in Germania, 6% nel Regno Unito). Nel Paese ci sono in pratica oltre 6,15 milioni di cosiddetti “sfiduciati” sulla possibilita’ di trovare un lavoro, tra chi risulta disoccupato (2,84 milioni di persone nel terzo trimestre 2013, anche se nei nei mesi successivi di ottobre e novembre secondo i dati mensili si sono sforati i 3,2 milioni) e chi, pur essendo disponibile a lavorare, non entra nemmeno nel mercato (3,3 milioni nel terzo trimestre).

Quasi la metà di coloro che si dichiarano disponibili al lavoro senza cercarlo (1,518 milioni su 3,3 milioni) si definisce “scoraggiato” motivando la mancata ricerca con la convinzione di non avere grandi chances nel trovare un posto di alcun tipo. Si tratta di un esercito in forte crescita sia rispetto al secondo trimestre 2013 (+219.000), sia rispetto allo stesso periodo del 2012 (+234.000). Oltre due “scoraggiati” su tre vivono al Sud con 1,068 milioni su poco piu’ di 1,5 complessivi.

 

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

#doposci

#doposci

articolo scritto da:

2 comments
Gigi Grieco
Gigi Grieco

..eppure quella famosa luce in fondo al tunnel....grazie Letta, Saccomanni