•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 23 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Sondaggio Ipsos per Ballarò: con Italicum al centrosinistra andrebbe il premio di maggioranza, partiti di centro costretti ad allearsi per sopravvivere

Sondaggio Ipsos per Ballarò, intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò: con Italicum al centrosinistra andrebbe il premio di maggioranza, partiti di centro costretti ad allearsi per sopravvivere

Il sondaggio Ipsos presentato questa sera a Ballarò non si limita ad esporre le intenzioni di voto degli Italiani, ma simula la distribuzione dei seggi alla Camera nel caso in cui il risultato elettorale corrispondesse a quello delle attuali intenzioni di voto, applicando la legge elettorale appena proposta dal segretario PD Matteo Renzi.

Con le soglie di sbarramento introdotte dalla legge (12% per le coalizioni, 5% per i partiti in coalizione e 8% per i partiti non coalizzati), le forze politiche che entrerebbero effettivamente in Parlamento sarebbero oggi quattro: Il PD guida infatti le intenzioni di voto con il 33,2%, seguito da Forza Italia col 22,7% (entrambi in leggera flessione), dal Movimento 5 Stelle con il 20,8% ed infine dal Nuovo Centrodestra che ottiene il 6,4%. Gli altri partiti non otterrebbero seggi in Parlamento ma aiuterebbero comunque le coalizioni a cui parteciperebbero ad avvicinarsi al premio di maggioranza e alla vittoria: gli alleati del Centrodestra, Lega Nord e Fratelli d’Italia, rispettivamente al 3,5% e 2,5% sono in leggero aumento, mentre Sel, principale alleato del PD, perde qualche decimo di punto e scende al 2,3%. Guadagnano leggermente anche UDC (3%) e Scelta Civica (2,6%) che sarebbero però costrette ad allearsi per poter mantenere dei seggi in Parlamento.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, intenzioni di voto.

Nella prima ipotesi di risultato elettorale con l’Italicum sia il centrodestra che il centrosinistra supererebbero il 35%, ma per solo 4 decimi di punto la spunterebbe il centrosinistra che otterrebbe 340 seggi grazie al premio di maggioranza, contro i 183 del centrodestra che otterrebbe questo risultato grazie alla probabile alleanza tra i partiti che già si erano presentati con Berlusconi a Febbraio ed il Nuovo Centrodestra. Con il 20,8%, il M5S otterrebbe invece 107 seggi, mentre i partiti di Centro (che certamente si adopererebbero per evitare questa situazione, alleandosi con altri partiti), non potrebbero entrare in parlamento così come gli altri partiti al di fuori delle coalizioni.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, ipotesi di risultato elettorale con l'Italicum basato sulle attuali intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, ipotesi di risultato elettorale con l’Italicum basato sulle attuali intenzioni di voto.

La seconda ipotesi vagliata da Ipsos valuta invece un’alleanza tra i partiti di Centro ed il Nuovo Centrodestra, che permetterebbe loro di ottenere 56 seggi grazie al 12% raggiunto ( i seggi andrebbero però tutti a NCD, unico partito a superare il 5%), mentre al PD andrebbero ancora i 340 seggi del centrosinistra ed invece i 136 seggi del centrodestra andrebbero interamente a Forza Italia. In questo caso, il Movimento 5 Stelle otterrebbe invece meno rappresentazione, con 98 seggi contro i 107 della prima ipotesi.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, ipotesi di risultato elettorale con l'Italicum basato sulle attuali intenzioni di voto.

Sondaggio Ipsos per Ballarò, ipotesi di risultato elettorale con l’Italicum basato sulle attuali intenzioni di voto.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

31 comments
Ale Milanista
Ale Milanista

questi hanno fatto i conti senza gli elettori

Alf Manc
Alf Manc

il centrosinistra a 35,9..?...ma dai...vince di nuovo il pedonano...ha soldoni...

Lamberto Giusti
Lamberto Giusti

Vedrete che andremo avanti con sta manfrina ancora per un pò.. Ma copiare gli esempi migliori non è mica un reato!

Vito Martinelli
Vito Martinelli

A mio parere il parlamento europeo alle prossime elezioni ne uscirà sconvolto!!!!!!!

Pietro Secomandi
Pietro Secomandi

ricordiamoci che ci fu un periodo che anche Bersani si avvicinò al 35 x cento

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Trattative Stato-Mafia, Bicamerale, leggi Bossi-Fini e Fini-Giovanardi, riforme Moratti e Gelmini. Sono tutti esempi di scollamento tra la classe politica e la volontà dei cittadini, e sono azioni compiute da governi eletti con semi-proporzionali o maggioritari... Il problema dei governi non è quanto durano ma quello che fanno, e ciò che fanno è determinato in misura rilevante dal modo in cui vengono eletti.

John Lollo-fixer Belu
John Lollo-fixer Belu

Né più né meno di febbraio 2013.....con la differenza che non c'è il senato.......vorrei che i media fossero più....equilibrati nei commenti.

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Concordo con Francesco Bacci: il discorso vero è che in Germania i governi di larghe intese si costruiscono su un programma solido, previa consultazione degli iscritti. Stabilità di governo non vuol dire AFFATTO azione di governo. Berlusconi in 4 anni di governo, dal 2008 al 2011, ha fatto solo tagli verticali (specialmente di istruzione, ricerca e cultura) e leggi ad personam, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

E che problemi politici abbiamo avuto nell'avere 48 governi? La nostra economia andava a gonfie vele (l'ultimo anno in cui il nostro PIL è stato in attivo per più dell'1% è stato il 1994), la disparità economica tra ricchi e poveri non era nemmeno lontanamente paragonabile a quella attuale, la classe lavoratrice aveva salari e diritti che ora si sogna. Il problema come sempre è accaduto, non è tanto in quanto durano i governi, quanto in chi va al governo. E' lo stesso discorso delle province: se pensiamo che le inefficienze della burocrazia si risolvano tagliando i burocrati anziché riformando il sistema, non risolveremo mai niente...

Anna Scarpetta
Anna Scarpetta

così apparentati PD e Centrodestra, alla prima scintilla ognuno per i fatti suoi, staremo peggio di oggi, un tempo rubato ai disoccupati che diventeranno ancora più disoccupati e i precari ancora più precari, questi apparentamenti non solo altro che la necessità di mettersi assieme, con poca gioia, e spaccarsi di nuovo alla prima scintilla. Gli inaffidabili ecco cosa sono, muovono i fili del tempo che sfuma e si perde: ma, a loro, non gliene frega nulla!

Grazia Gioè
Grazia Gioè

solo da Ballarò potevano usicre queste improbabili percentuali.....ovviamente il premio è andato alla sinistra che pur non vincendo mai le elezioni...notate lo scarto dello 0,5....una lacrima....ritiene di avere diritto a governare l'Italia....sparatevi per cortesia...anzi quand'è che spengono sto Ballarò......

Stefano Zappa
Stefano Zappa

è quello che intendevo....anche in germania ci sono infiltrazioni camorristiche e della ndrangheta.....ma la base di partenza è sempre la nostra stupenda e ingovernabile penisola

Salvatore Caputo
Salvatore Caputo

Oddio stefano...che nn ci sia la mafia mi pare una balla bella gross :). Diciamo che nn ha il potere di fare pressioni politiche ad alti livelli...quello si

Leonardo Braccio
Leonardo Braccio

Sono elettore del PD, ma primo: non mi interessano più i sondaggi, il centrosinistra vincerebbe sempre e poi invece..... Secondo, non trovo giusto e democratico che chi prende il 35,1 o il 36% abbia la maggioranza assoluta dei seggi!!! Anche se succedesse al PD!!!

Stefano Zappa
Stefano Zappa

ti dico solo delle cose semplici per farti capire come non puoi usare la germania come paragone: in germania non ci sono la lega nord e la mafia cioè soggetti politici che tendono a dividere il paese andando contro lo stato.......ma soprattutto la FRAMMENTAZIONE è NEL DNA ITALIANO....con il proporzionale dal 1946 al 1992 48governi......bisogna sapere la storia per conoscersi

Francesco Bacci
Francesco Bacci

è uno dei paesi più stabili perchè lì, prima di fare un governo di coalizione, elaborano un piano di governo dettagliato. Inoltre, le coalizioni al governo non vedono mai "traditori".

Giovanni Gobbi
Giovanni Gobbi

non capisco l'ira dei pentastellati, è da mesi che il suo capo dice che il M5S alle elezioni raggiungerà il 51% dei voti......

Valerio Cianfrocca
Valerio Cianfrocca

Una legge perfetta: uno scarto di 0,5% dei voti determina una differenza di 160 seggi... Ma che la Germania ad esempio è uno dei paesi più stabili d'Europa pur avendo il proporzionale non lo dice nessuno?!

Stefano Zappa
Stefano Zappa

guarda meno mediaset......quando governa berlusconi gli italiani sono ricchi e tutto va bene......quando governano gli altri ci sono solo miseria , disoccupazione, suicidi e crisi.......sveglia

Alfredo Pierucci
Alfredo Pierucci

Ecco la motivazione al loro accordo , ma sarà smentita dal voto reale !

Foschi Rino
Foschi Rino

A renzi gli starebbe bene che il centro si allei con berlusconi così abbasserebbe un po' la cresta.e grillo che non si vule alleare con nessuno farà la comparsa.

Fabio Graziosi
Fabio Graziosi

ma i problemi veri cazzo l'economia con la disoccupaxione in aumento, tragedie come la liguria l'emilia l'aquila e una ricostruzione che non c'e'! cazzo basta parlare solo di cazzate risolvete questi problemi.....

JacopoMattei
JacopoMattei

No.. Forse sei poco informato.. L'ultimo anno in cui il nostro pil è stato in attivo è il 2011, quando è cresciuto dello 0,4% a fronte degli ultimi mesi in cui è cominciata la recessione.. Per cui prima di sparare puttanate.. Informati e non rompere le palle, grillino del c***o..

Trackbacks

  1. […] che si verrebbe a creare se ora ci fossero le elezioni. Secondo le attuali intenzioni di voto, (potete consultare qui), non si verrebbe a creare nessuna maggioranza in Parlamento; con tutto ciò che questo ha […]