•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 23 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Comincia Ginevra2: per la pace in Siria la strada è ancora lunga

Comincia Ginevra2: per la pace in Siria la strada è ancora lunga

Si è aperto ieri a Montreux la conferenza internazionale che dovrebbe portare la pace in Siria, dove la guerra civile dura da tre anni e ha causato più di 100mila morti.

I negoziati veri e propri, quelli che vedranno protagonisti i delegati di Assad e quelli dell’opposizione facilitati dai rappresentanti dell’ONU, cominceranno domani giorni e potrebbero durare anche qualche settimana.

Estromesso l’Iran e assicurata la partecipazione della coalizione anti-Assad, sembrava che il clima potesse rimanere disteso, invece, è ormai una sicurezza che i risultati della conferenza non potranno che essere parziali e che, la fine del conflitto,  non potrà che essere il risultato di una lunga e ardua strada.

Si spera comunque di arrivare a un’intesa su tregue locali, sull’apertura di corridoi umanitari, possibilmente anche a un “cessate il fuoco” duraturo, difficile che si dia il via libera al fine ultimo di Ginevra2, ovvero, alla transizione politica che porti a una Siria senza Assad.

Dopo i discorsi del segretario generale dell’ONU, Ban Ki Moon, che ha evidenziato il carattere storico dell’incontro, del Ministro degli Esteri russo Lavrov, che ha invitato l’Iran a rivestire comunque un ruolo attivo nel processo di pace, e quello di Kerry che ha rinnovato il pensiero americano sulla necessità di estromettere Assad dalla ricostruzione, è stato il momento del capo della diplomazia siriana Walid Muallem.

“Mi dispiace che alcune nazioni i cui delegati sono presenti abbiano le mani sporche di sangue siriano” così Muallem si è rivolto alle delegazioni presenti, alla delegazione dell’opposizione ha invece detto: “se volete parlare a nome dei siriani non dovreste essere dei traditori del popolo siriano o degli agenti al soldo dei nemici del popolo siriano”.

Dalla coalizione anti-Assad, in particolare il suo leader Ahmad Jarba, hanno risposto: “abbandonate Assad e diventate liberi come noi”.

Anche Bergoglio ha inviato una delegazione, il Papa nel suo appello ha auspicato per la Siria: “un cammino deciso di riconciliazione, di concordia e di ricostruzione con al partecipazione di tutti i cittadini, dove ognuno possa trovare nell’altro non un nemico, non un concorrente, ma un fratello da accogliere ed abbracciare”.

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento