•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 23 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Voto di scambio, Fi e Ncd ottengono il rinvio della votazione sul provvedimento

Voto di scambio, Fi e Ncd ottengono il rinvio della votazione sul provvedimento

Magistrati e associazioni antimafia invocano da mesi norme severe per punire il reato di voto di scambio politico-mafioso, ma per l’ennesima volta l’approvazione della riforma in questione è stata rinviata, in seguito ai dubbi sollevati da Forza Italia e Nuovo Centrodestra.

Il motivo dello scontro in questo caso è l’avverbio “consapevolmente”. Secondo i due principali partiti del centrodestra, infatti, affinché un politico possa essere condannato per voto di scambio è necessario dimostrare in sede giudiziaria la consapevolezza dell’origine criminale dei voti che gli sono stati offerti.

Lo stop è arrivato dopo le modifiche apportate al provvedimento in commissione al Senato. Rispetto alla versione approvata alla Camera, era stato rimosso l’avverbio “consapevolmente” e il reato era stato esteso ai casi in cui i voti vengono dati non in cambio di denaro, ma di “altre utilità”, come la promessa di favori e l’assegnazione di incarichi e appalti (circostanza assai più comune).

Tuttavia, Forza Italia, Gal e Nuovo Centrodestra si sono detti contrari a queste modifiche e hanno chiesto che il testo fosse rinviato in commissione. Il Pd si è opposto a questa eventualità e ha proposto di lasciare l’esame del provvedimento all’aula del Senato, rinviandolo però a martedì prossimo. Questo accordo, poi ratificato dalla conferenza dei capigruppo convocato da Pietro Grasso, ha provocato la feroce reazione dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, che hanno gridato: “fuori la mafia dallo Stato”.

“Se passa questo testo vorrà dire che dovremo fare campagna elettorale direttamente dalle procure – aveva messo in guardia Alessandra Mussolini –  saranno i magistrati a doverci dire con chi potremo parlare o meno”. Di opinione del tutto opposta è invece il senatore Franco Mirabelli, capogruppo Pd in commissione antimafia, che attacca: “Il Pd oggi era pronto a votare il ddl sul voto di scambio approvato dalla commissione ed è gravissimo che Fi, con distinguo incomprensibili, abbia costretto il Senato a rimandare ancora la votazione su un provvedimento indispensabile per combattere la mafia e difendere la nostra democrazia”.

Durissimo è anche il commento di Michele Giarrusso, senatore del M5s, che su Facebook ha scritto: “I fiancheggiatori della mafia in Parlamento hanno impedito che oggi si potesse votare la norma che sanzionava il voto di scambio politico mafioso. Totò Riina e tutti gli altri ringraziano. Oggi – prosegue Giarrusso – mi vergogno di far parte di questo parlamento delegittimato e colluso. Con che faccia questi vili guarderanno mai negli occhi i servitori dello Stato che ogni giorno rischiano la vita per difendere la legalità e la vita dei cittadini di questo paese?”

 

Lorenzo Cini

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento