•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 25 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Inaugurato l’anno giudiziario, Canzio: “Toghe infamate”

Il presidente della Corte d’Appello di Milano Giovanni Canzio, in occasione dell’ inaugurazione dell’anno giudiziario, riporta al centro del dibattito le tensioni tra politica e magistratura. “Agli attacchi personali, al dileggio strumentale, talora alla infamante gogna mediatica e alle minacce cui sono stati sottoposti”, i giudici “hanno saputo rispondere” usando “le armi dell’imparzialità”.

Questo l’incipit di Canzio, che poi fa un preciso riferimento alla magistratura milanese, sempre al centro di attacchi da parte dei berlusconiani. I giudici milanesi “stati oggetto di sommarie e ingiuste accuse di parzialità e di mancata serenità di giudizio, solo perché funzionalmente investiti della definizione di taluni procedimenti a forte sovraesposizione mediatica, per lo spiccato rilievo politico e sociale che li caratterizzava”.

Ed è proprio a queste toghe che Canzio rivolge parole “di apprezzamento e di gratitudine per il profondo senso del dovere e di appartenenza all’istituzione dimostrato” e perché “alle immotivate censure, agli attacchi personali, al dileggio strumentale, talora la infamante gogna mediatica e alle minacce cui sono stati sottoposti hanno saputo rispondere con sobrietà, umiltà e riservatezza, adoperando le armi della giurisdizione e continuando a giudicare con imparzialità al solo servizio della giustizia e dello Stato”.

magistrati

Dopo Canzio ha preso la parola il presidente Corte d’Appello di Palermo, Vincenzo Oliveri, che ha incentrato il proprio intervento sul processo relativo trattiva Stato-mafia: “Abbiamo un debito di riconoscenza nei confronti del Capo dello Stato, per cui quando si è tentato di offuscare la sua immagine con il sospetto di sue interferenze in un grave procedimento in corso qui a Palermo, sospetti che i nostri giudici hanno dichiarato da subito totalmente infondati, sentiamo di dovergli rinnovare l’impegno, assunto col giuramento all’inizio del nostro lavoro, di fedeltà alla legge e alla Costituzione, di cui egli è supremo garante”.

Oliveri ha poi ammesso che in Sicilia la mafia, nonostante gli arresti, è ancora forte, ha attaccato la politica e ha invitato i magistrati a svolgere il loro lavoro tenendosi lontani dalle ribalte mediatiche: “I magistrati non hanno soltanto il dovere di essere imparziali, ma devono anche apparire come tali. Dunque, no all’esposizione mediatica no a comportamenti impropri, no a carriere politiche inaugurate nel medesimo distretto dove il giorno prima il candidato indossava la toga”.

Anche il tema della Tav è finito al centro dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Sul tema è intervenuto Marcello Maddalena, procuratore generale del Piemonte, per il quale “un’area marginale ma non trascurabile di soggetti anarchici che, operando su un doppio livello, palese e occulto, costituiscono una minaccia per le regole costituzionali del Paese puntando, attraverso atti di terrorismo, all’eversione del sistema democratico”.

 

Alessandro Genovesi

 

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

5 Commenti

  1. Massimo Siliato ha scritto:

    La magistratura e’ un po’ piu’ sporca della politica . Una cloaca .

  2. Giancarlo De Luca ha scritto:

    un esercito di collusi strapagati!!

  3. Sergio Pisano ha scritto:

    Settario, partigiano e fantasioso.

  4. Lorenzo Sassi ha scritto:

    Toghe infamate ? siete una banda criminale MALEDETTI DAGLI ITALIANI ONESTI …….E ANCHE DA DIO

  5. Giorgio Maria Cambié ha scritto:

    Delinquenti in toga.

Lascia un commento