•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 27 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Caso Marò: delegazione parlamentare in India

Una delegazione di parlamentari della Repubblica Italiana è ripartita da Nuova Delhi. L’obiettivo era quello di incontrare Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, marinai del Reggimento San Marco, più comunemente conosciuti come ‘marò’.

“Ci aspettavamo da tanto la vostra iniziativa unitaria. Non immaginate quanto sia importante per noi questa missione, proprio per il suo carattere unitario e perché ci fa sentire la voce dell’Italia”. Così i due membri del reparto d’élite dell’Esercito Italiano hanno accolto i membri di Camera e Senato nella capitale indiana. L’incontro, durato circa un’ora, è servito a far sentire la vicinanza dell’Italia verso i due fucilieri detenuti nel paese asiatico dal febbraio 2012, quando uccisero due pescatori indiani, in vista dell’udienza della Corte Suprema, in programma per lunedì 3 febbraio. Oggetto dell’incontro con la corte indiana sarà il ricorso italiano.

La tesi degli italiani è di natura difensivista: i fucilieri avrebbero creduto che quei pescatori fossero dei pirati ed avrebbero sparato in acque internazionali. Contraria l’opinione indiana: i pescatori non avrebbero fatto nulla per far credere di essere dei fuorilegge e le acque non erano internazionali, bensì di fascia contigua (nella quale vige la giurisdizione dello stato costiero di Nuova Delhi, ndr).

marò

Siamo soldati, soldati italiani, dobbiamo soffrire con dignità. Ci auguriamo di tornare con onore”. Ed ancora: “mio figlio più grande ha 12 anni, è preoccupato, mi chiede sempre notizie. Molti indiani ci apprezzano come persone e molti pregano per noi”, dicono i due marò alla presenza di alcuni membri della commissione congiunta Esteri – Difesa.

E se il Movimento 5 Stelle rivendica la paternità dell’iniziativa, il Ministro degli Esteri, Emma Bonino, parla di una linea “non delle urla, senza slabbrature, con una posizione solida anche dal punto di vista giuridico: questa era la strada da seguire”. Ed aggiunge, ai microfoni di Radio24: “La legge La Russa, il cui decreto prevedeva la presenza di militari su navi civili senza stabilire per bene le linee di comando, tutto questo sarà utile rivederlo”.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

5 Commenti

  1. profarm4 ha scritto:

    TermometroPol
    Se si e’ persa la faccia, speriamo non si perda almeno la dignita’.

  2. Francesco E Basta ha scritto:

    è stato mandato casini per mettere un pò di ordine!! come siamo messi male!!! Ma se quel pagliaccioi non ha valore legale in italia, figuriamoci in india!!

  3. Antonio Noto ha scritto:

    Sono o non sono assassini? E allora come la mettiamo…..? Gli assassini italiani sono diversi dagli altri? Hanno ucciso in India….che siano giudicati da quelle leggi!

  4. Marco Corvi ha scritto:

    HANNO VISTO CASINI ADESSO NON TORNERANNO PIU’………..

  5. GustavoGesualdo ha scritto:

    Chi vorrebbe veder salvi e liberi i due marò in mano alla giustizia indiana dovrebbe prima chiedersi a che punto è la propria giustizia prima di demonizzare quella di terzi. E non è detto che non sia proprio in questi termini che si possa trovare il bandolo della matassa che lega i due militari italiani in attesa di imputazione e di giudizio in India con l’amministrazione della giustizia in Italia. Leggere per riflettere e credere che salvarli si può. Etica o teoria della reciprocità : Non fare al tuo vicino quello che ti offenderebbe se fatto da lui.
    Ecco a voi la verità che le autorità italiane tacciono e nascondono sulla vicenda dei due marò.
    http://www.ilcittadinox.com/blog/il-nesso-di-causalita-tra-schettino-e-i-due-maro.html
    Gustavo Gesualdo

Lascia un commento