•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 28 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Caos Ucraina: dimissioni del Premier e abrogazione delle leggi anti-protesta

Mykola Azarov

Caos Ucraina: dimissioni del Premier e abrogazione delle leggi anti-protesta

Mykola Azarov, due volte premier ucraino dal marzo 2010, si è dimesso. Dopo il gesto del Presidente Yanukovich – quest’ultimo ha offerto la possibilità di formare un governo al leader del maggiore partito di opposizione (“Patri” guidato dalla Tymoschenko) Arseniy Yatseniuk che ha rifiutato – Azarov ha deciso di farsi da parte “con lo scopo di creare una possibilità aggiuntiva di raggiungere un compromesso politico e risolvere pacificamente il conflitto, che minaccia lo sviluppo economico e l’intera società ucraina”.

Mykola Azarov

Mykola Azarov, premier ucraino dimissionario

All’opposizione, però, al momento non interessa il premierato: Yatseniuk, Klitschko, i nazionalisti di Svoboda e tutto il fronte di opposto a Yanukovich punta piuttosto a elezioni presidenziali e parlamentari anticipate, in modo da affondare definitivamente l’attuale Presidente filo-russo.

Proprio Yanukovich, che ieri si era riunito a colloquio con Yatseniuk, Klitschko e Oleg Tiagnybok leader di Svoboda per discutere della questione, ha convocato stamattina la Rada, il Parlamento ucraino, che ha revocato 9 delle 12 leggi contenute nel pacchetto “anti-proteste” approvato il 16 Gennaio in tutta fretta, senza discussione in aula e votando per alzata di mano.

Durante lo stesso colloquio, durato 4 ore, le opposizioni hanno chiesto l’amnistia per tutti i manifestanti: il provvedimento è stato concesso a patto che vengano lasciati gli edifici governativi occupati.

In queste ore il Ministero della Giustizia è già stato disoccupato dai manifestanti – era stato preso d’assalto la scorsa notte dagli esponenti del movimento radicale “Splina Sprava” che non avevano trovato nessuna opposizione da parte della polizia – dopo che l’inquilino del Dicastero, Olena Lukash, aveva minacciato di richiedere l’approvazione dello “stato di emergenza” e l’intervento delle forze speciali russe.

Per alcuni truppe speciali russe da tempo sarebbero in azione a Kiev, senza che ne sia data conferma da Yanukovich o dal Ministro degli Esteri russo Lavrov.

Proprio Lavrov, incontratosi oggi con Rasmussen al vertice della NATO, ha dichiarato di non voler rispondere alle domande sull’Ucraina in quanto “la questione non è in agenda”.

È ormai evidente che la Russia stessa stia lentamente perdendo il controllo della situazione: mentre tutto l’Ovest dell’Ucraina è ormai “di fatto” sotto il controllo dei dimostranti – ancora risultano molte sedi di consigli comunali occupate o bloccate – ormai anche verso Est, cioè nella parte più vicina a Mosca, si stanno diffondendo le proteste.

Nel frattempo su Internet molte fonti parlano di un coinvolgimento attivo di vari servizi segreti, quelli Usa e di Israele in primis ma anche di diversi paesi dell’UE, nella fornitura non solo di appoggio mediatico ma anche di armi ai dimostranti.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: