•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 gennaio, 2012

articolo scritto da:

Sel e Idv in rapporto al Pd

sel e idv

Troppo a lungo il coraggio ha lasciato spazio ai tatticismi, agli equilibrismi, agli inciuci. La politica si è disabituata a scegliere, a sperare nel futuro e a guardare al passato. Convive in modo conflittuale con l’attualizzazione della questione morale, con la massa, di cui dovrebbe interpretare e, soprattutto conciliare, le esigenze. Nel Pd (come in molti partiti, sia chiaro) è sempre più forte la percezione di uno scollamento tra le aspettative della base, distanti e disattese dai vertici, e i leader.  E’ storia, non è cosa nuova. Ed Enrico Letta la rispecchia in modo significativo affermando che Pd, Udc e Pdl devono dialogare per rivedere la legge elettorale. Tagliando fuori di fatto chi ha lottato contro il Porcellum e sembrava – o sperava di essere – l’alleato naturale per un’alternativa democratica: Sel e Idv.

[ad]Ma le distanze tra palazzo e militanti, che prima erano vissute come un fenomeno in evoluzione, diventano con prepotenza il passaggio obbligato del centrosinistra. L’ala sinistra del Pd può scegliere di girarci alla larga, dalla sua storia. O di viverla e attualizzarla. Ma la deve guardare dritta negli occhi, costretta a una decisione forzata dagli eventi. Il Pd ha due strade, a tutti sono note. E non esistono altre vie percorribili per risultati duraturi: stare con il Terzo Polo o concretizzare l’accordo di Vasto. Mentre gli equilibrismi in casa Pd continuano, Idv e Sel si saldano e scoprono nuovi punti di contatto nel contrasto all’ala centrista.  Non sarebbe, la loro, una convivenza facile. Ma sembra fattibile.

sel e idv

Davanti a questa  unità il Pd corre i maggior rischi: spaccarsi dovendo conciliare i tatticismi con le esigenze di una base che ricorda di essere nata a sinistra. “Il Partito Democratico non può diventare un partito moderato e neo-centrista. Nella sua intervista all`Unità pubblicata sul giornale di domenica, Nichi Vendola pone un problema concreto e reale. Non si può passare dalla foto di Vasto alla spericolata intesa con il terzo polo”. E’ stato chiaro il senatore del Pd Vincenzo Vita. Il suo pensiero però cozza con quello di una fetta del partito di Bersani, affascinata dal centro e da una innegabile maggioranza politica che potrebbe, ingoiando qualche rospo, trasformarsi in maggioranza di governo. Magari proprio con Monti. Il realismo politico così si rivela un boomerang: fa perdere un equilibrio che, poco prima dell’arrivo di Monti, sembrava ritrovato. La prossima assemblea nazionale del Pd sarà un banco di prova, ma non l’unico. Infatti il confronto con le anime del partito e le percezioni della base, della quale non si può ignorare il sentire, è già iniziato. Basta scorrere i commenti dei militanti che affollano la pagina Facebook di Pierluigi Bersani. “Avete l’ultimo appello. La gente andrà a Sinistra con voi o senza voi. Scegliete” scrive un elettore del Pd.  Si sommano voci più possibiliste, vengono avanzate ipotesi  di un’intesa con Casini, di una medicina amara da ingoiare nel nome del particolare momento storico. Ma c’è un fatto ineludibile:  Sel vuole risposte, dà chiarezza, chiede al Pd di prendere una posizione. E’ forse la prima volta che mette il partito di Bersani davanti a una scelta: ascoltare la sua anima di sinistra e decidere, una volta per tutte, da che parte stare. Quello che è stato a lungo un invito fin troppo velato è divenuto un aut aut.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Davide Invernizzi
Davide Invernizzi

Allearsi in tempi di opposizione è ben diverso che allearsi nella formazione di un governo. Il PD forse sta cominciando a rivedere la sua matrice socialdemocratica, processo già iniziato con la mancata fusione con i socialisti europei di schultz, la quale per quanto allettante per l'elettorato comporta scelte ben poderate di controllo e gestione delle spese che ne deriverebbero. Al governo SEL e IDV sarebbero alleati troppo instabili ed eventualmente ricattatori (basti vedere i precedenti governi di centrosinistra) per cui, essendo d'accordo con l'ala più liberale del partito, auspico un intesa con il centro per quanto inconsueta e difficile. Del resto non credo che l'allenza SEL-IDV possa essere ben salda e compatta nel lungo termine. In ogni caso il PD deve dimostrare un azione chiara e decisa, o al centro o sinistra. La perdita di parte dell'elettorato è inevitabile ma più si protrae questo periodo di incertezza politica del partito più la fuga di elettori sarà ingente.

Fabio Esposito
Fabio Esposito

Ovviamente si parla di future elezioni. Sicuramente il PD non deciderà di andare con l'UDC ora e cambiare nel momento delle elezioni. Certo è che lo stesso PD nel cincischiare così tanto sta perdendo l'ultimo treno di credibilità!

Andrea Iurato
Andrea Iurato

il pd ha le mani maggiormente legato perchè è strutturato come partito di governo. sel e l'idv,invece, hanno una struttura da opposizione quindi hanno minori oneri da ogni punto di vista.