•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 31 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Mai sottovalutare il potere del lato “oscuro” della Forza

La strategia parlamentare del Movimento 5 Stelle negli ultimi giorni è improntata ad massimalismo antidemocratico dai tratti insurrezionalisti. Per la prima volta nella storia della Repubblica non si pratica un ostruzionismo “muscolare” soltanto all’interno dell’aula di Montecitorio, ma anche presso le commissioni attraverso una strategia in certi casi tesa addirittura ad impedire fisicamente ai parlamentari di poter svolgere il proprio lavoro.

Nel frattempo il movimento grillino utilizza una terminologia barricadera (il “boia” dato a Napolitano e la riproposizione del vecchio slogan dei moti di Reggio Calabria “boia chi molla”) in certi casi tesa all’insulto personale come arma per scardinare l’assetto istituzionale. E presenta una richiesta di impeachment nei confronti di Napolitano per attentato alla Costituzione.

In un quadro in cui esplicitamente, cosa che dovrebbe far riflettere qualche commentatore distratto, alcuni esponenti del Movimento hanno parlato di una sorta di cambio di passo legato all’ostruzionismo parlamentare in grado di andare platealmente contro le regole democratiche.

Il quadro non è povero di contraddizioni, in primo luogo legati al fatto che si accusa il Presidente della Repubblica di comportamenti incostituzionali quando la tattica grillina e quella di andare proprio oltre la carta fondamentale.

Ma il fenomeno non va assolutamente sottovalutato perché non necessariamente in futuro potrà essere ricollegato ad un crollo dei consensi del Movimento a differenza di altri movimenti, come la Lega Nord, che ogni qual volta hanno sposato una linea maggiormente oltranzista se non di tipo indipendentistico hanno visto crollare i propri consensi elettorali.

Il sistema politico sorto dalle ceneri delle politiche 2013 vede tre grandi poli in grado di condizionarsi o a bloccarsi a vicenda: il centrodestra, il centrosinistra e il Movimento Cinque Stelle.

Per un momento mettiamo da parte le differenze tra le forze politiche che sostengono il governo Letta e quelle che si trovano all’opposizione, e cerchiamo di concentrarci su quale tipo di elettorato consente l’emergere di questi tre schieramenti.

Secondo uno schema semplificato, ma teso a far comprendere il concetto in un modesto articolo come questo, possiamo dire che la destra può avere tra i suoi cavalli di battaglia quello della meritocrazia. Una battaglia che può spingersi fino a chiedere un passo indietro da parte dello stato per far emergere e far vincere il merito individuale delle persone. Come se si lottasse per far sbocciare il “fiore del talento” in grado di arricchire tutta l’architettura del paese. Da parte della sinistra invece c’è sempre stato un ragionamento di tipo inverso in cui assieme al tema della libertà si decideva di investire su quello dell’eguaglianza delle condizioni. Va bene puntare sul merito, ma alcuni non ci riescono da soli. Occorre dunque un ruolo dello stato sotto forma di sussidi ecc…

Il Movimento Cinque Stelle, e lo dimostra la sua ultima deriva antidemocratica, assume in questo quadro dei connotati interessanti, inquietanti ma al tempo stesso da non sottovalutare.

Sappiamo bene che parte dell’elettorato grillino è riconducibile alla cosiddetta “antipolitica”, gente delusa dello spettacolo quotidiano di quelli che Jean-Marie Le Pen avrebbe definito “partiti tradizionali” e desiderosa di premiare una forza che si pone come contraltare di questo stallo.

Ma al tempo stesso il Movimento deve il suo successo alla crisi economica, all’emergenza nel campo lavorativo e previdenziale e anche alla situazione di insicurezza

Una dinamica tipica già delineatosi in altri stati democratici, ma che in questo contesto spinge il M5S ad assumere i connotati di una “Terza Posizione” in cui assieme al merito da far emergere (tipica della destra) e all’eguaglianza della possibilità (baluardo della sinistra) c’è un esercito di non garantiti che per paradosso pur con i sussidi statali, tesi a migliorare la loro situazione (o addirittura di arricchirsi!), in ogni caso non si sentirebbero pienamente realizzato.

Andando oltre il continuum classico libertà-uguaglianza (dal sapore economicista e dunque materialista) un terzo schieramento di questo tipo può porsi l’obiettivo di guidare una sorta di riscossa morale, seppur improntata all’irrazionalità, in cui c’è comunque parte dell’elettorato che non crede più alla politica e alla soluzioni che essa può dare.

Appare abbastanza significativo in questo senso che il leader di questo schieramento sia proprio un comico, come se si inscenasse una dinamica di tipo “sdrammatizzatrice” in cui alla fine non solo mi riconosco nelle esternazioni di un pagliaccio che non mi risolve i problemi materiali, ma almeno mi fa ridere e mi fa pensare ad altro o comunque mi da l’illusione che “un altro modo è possibile”. Ma al tempo stesso nemmeno mi indigno dell’inattività legislativa dei parlamentari pentastellati, ma perché il posizionamento che il M5S garantisce è quella terza forza che aspira ad andare oltre il livello democratico, oltre la destra e la sinistra, oltre i privilegiati che potrebbero emergere, andare bene a scuola o all’università se sostenuti da un buon sistema di welfare. Quindi ben venga l’attacco frontale di qualche centinaio di “uomini qualunque” proprio nel cuore delle istituzioni repubblicane.

Una riproposizione della lotta di classe, seppur non dai connotati materialistici e dialettici. Ma proprio per questo più difficile da scalfire. Perché le idealità restano, le condizioni materiali e strutturali di un paese mutano. E anche con una certa velocità.


Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

44 Commenti

  1. Maria Guiducci ha scritto:

    Il buffone con gli occhi da folle sta diventando un vero pericolo….già lo sapevamo!

  2. Ennio Chiaretto ha scritto:

    Forza PD e SILVIO andiamo sotto acqua ma i soldi li diamo alle banche. Mai sottovalutare il lato molto chiaro della rapina

  3. Piergiacomo Serra ha scritto:

    Invece il PD e il PDL lo sono da sempre un pericolo per l’intera nazione!

  4. Alfredo Romeo ha scritto:

    A me sembra che la “ghigliottina” atto totalmente FASCISTA sia stato usato dalla boldrini e tra l’altro i 5s non sono stati violenti anzi.. hanno anche subito colpi.. quindi i veri fascisti sono gli altri!

  5. Matteo De Petrillo ha scritto:

    quando cercano di legiferare per ESCLUDERE la loro voce che scassa gli inciuci…..

  6. Leonardo Tei ha scritto:

    Certo certo…il pericolo sono i 5 Stelle… Non le scelte dei vecchi partiti, quelle ci stanno facendo andare solo verso un baratro dal quale rimarranno solo le macerie dell’Italia…ma diamo la colpa a Grillo…

  7. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Ci aspetta un altro ventennio?

  8. Paolo Genova ha scritto:

    ma va a cagare

  9. Gio Di Nino ha scritto:

    E’ stato Bepin ad escludere 9 milioni di voti servendosi di un branco di parlamentari impreparati e webguidati: col suo potere contrattuale avrebbe potuto veramente rovesciare come un calzino il Parlamento, ma ha preferito starsene alla larga, perché lui si ritiene puro e vergine…

  10. Maria Guiducci ha scritto:

    Ahahahahah Paolo BRAVO! Questo è il vostro unico e vero dialogo….mi fate PENA!

  11. Milena Debenedetti ha scritto:

    massimalismo antidemocratico… come scriveva Cuore? Hanno la faccia come il… E comunque insurrezionalisti si scrive con una sola zeta

  12. Milena Debenedetti ha scritto:

    si’, questa e’ la vulgata che e’ passata. Questo e’ cio’ che credono coloro che non sono entrati in quella fossa dei leoni e dei serpenti, tutti compatti a boicottare il M5* facendo magari finta, solo finta, di blaterare aperture del tutto fasulle

  13. Valerio Cianfrocca ha scritto:

    Ma chi scrive ‘ste minchiate? Poi ci si chiede perché la gente diventi grillina…

  14. Didina Puddu ha scritto:

    meno male che qualcuno fa un po di rivoluzione al posto nostro almeno lui ci prova e nn aspettare che l italia sia la prossima grecia

  15. Ugo Polli ha scritto:

    Innanzitutto questo articolo andrebbe tradotto in italiano e poi commentato: “insurrezzionalisti”? “Una dinamica tipica già delineatosi in altri stati democratici, ma che in questo contesto spinge il M5S ad assumere i connotati di una “Terza Posizione” in cui assieme al merito da far emergere (tipica della destra) e all’eguaglianza della possibilità (baluardo della sinistra) c’è un esercito di non garantiti che per paradosso pur con i sussidi statali, tesi a migliorare la loro situazione (o addirittura di arricchirsi!), in ogni caso non si sentirebbero pienamente realizzato.”?

  16. Antonio Cerreto ha scritto:

    …zionalisti, una z 🙂

  17. Cuvato Francesco ha scritto:

    I grillini sono violenti ma prendono le botte ….. e sono loro i terroristi? non riesco più a leggere notizie da questi giornalisti

  18. Massimo Siliato ha scritto:

    Ma chi e’ questo Livio Ricciardelli ? Un PDocchioso seguace di Penati?

  19. Massimo Siliato ha scritto:

    Livio Ricciardelli il termometro Politico ficcatelo dove non batte il sole , Comunista di torba .

  20. Roberto Drioli ha scritto:

    grillo non è il pericolo è solo un mona

  21. Mimmo Ristori ha scritto:

    Non posso darti del tutto torto, ma da quelle future macerie i M5S stanno dimostrando che non possono salvarci neppure loro; c’era un mezzo per contribuire a cambiare le cose, l’hanno buttato via per megalomania e cecità politica! Ora le urla e gli strepiti servono a nulla, la frittata è fatta!

  22. Luca Lodi ha scritto:

    A Liviooooo…

  23. Pierfrancesco Catapano ha scritto:

    è innegabile: nel pdl si fa carriera col talento… soprattutto di bocca…

  24. Piero Corallo ha scritto:

    In questo paese la televisione i giornali sono per il 98% schierati…e pagati profumatamente…sono tutti scandalizzati e preoccupati della inaudita violenza(notate bene non c’e’ stata nessuna violenza)che il movimento 5 stelle ha manifestato…io penso che le violenze di ogni genere siano fatte ogni giorno ai danni dei cittadini…penso anche che il movimento 5 stelle sia oramai una realta’ politica con cui renzusconi e company dovra’ confrontarsi…se ne vedranno delle belle….

  25. Piero Corallo ha scritto:

    Caro Ricciardelli sei ancora troppo piccolo per ricordare che dentro quel partito dove hai imparato politica???? c’erano e ci sono ancora personaggi che facevano le guerre dentro e fuori dal parlamento…lascia stare parla di altre cose sei molto giovane non entrare nel mondo della casta cosi’ come ha gia’ fatto il tuo segretario di partito Renzusconi…..apri gli occhi e non farti riempire la testa di chiacchiere e distintivo…buon pomeriggio…

  26. Stefano Vivona ha scritto:

    Credo che l’attenzione dovrebbe essere più’ sul decreto Bankitalia, sul merito di ciò che si e’ votato. E’ avvenuto qualcosa che mi inquieta di piu …..

  27. Vincenzo Lopriore ha scritto:

    Non sapete più quale minkiata raccontare… alle prossime elezioni M5S prenderà una barca di voti..

  28. Mimino Bianco ha scritto:

    sono atteggiamenti , di quando non se ne può più ! QUESTA E’ LA VERITA’ (importante rileggere la storia del passato)

  29. Moris Bonacini ha scritto:

    tutto da ridere

  30. Moris Bonacini ha scritto:

    non sarebbe male sapere che in ogni organizzazione esiste un regolameno: Meno male che semianalfabeti quali siete non avrete mai modo di redigerlo ( non lo avete neppure voi sfascisti)

  31. Ottavio Bollini ha scritto:

    dovete ringraziare il mov 5 s altrimenti a quest.ora ci sarebbero i nazifascisti di alba dorata…..capito tal livio katia ricciarelli ????

  32. Pennetta Arnaldo ha scritto:

    le intimidazioni non devono fermare il cambiamento.

  33. Antonio Rossi ha scritto:

    E voi del fatto osate chiamarvi giornalisti

  34. Alfredo Martinelli ha scritto:

    Ma, seriamente, tu credi che il movimento 5s sia in grado di mandare tutti a casa, imporre via internet il consenso a idee che non ha ancora formulato, senza un programma di governo se non quello di mandare a casa i ladri, cioé tutti, organizzare una costruzione socioeconomicafiscale sul niente, come é adesso…, e inventarsi un sistema giuridicogiudiziario conforme alle esigenze dei centomila modi di pensare l’etica e la morale degli italiani? Da come vi muovete elefanti nella cristalleria, dagli strafalcioni del lessico politico che riuscite a mascherare solo con le battute dell’ex comico di turno… Alla fine siete stati costretti ad usate violenza verbale e fisica, turpiloquio e spintoni ecc. ecc. , prendine atto e non continuare a caso a sottolineare i mille errori dell’avversario politico. Voi non avete ancora provato, come fate a sbagliare? Siete duri e puri come lo era la Lega, come lo era Di Pietro ecc. ecc. Continuate a fare la guardia e avrete il consenso popolare, cominciate a givernare e vi ci manderanno anche voi aff…

  35. Elisa Agostini ha scritto:

    E io che dicevo…

  36. Stefano Faccin ha scritto:

    Il potere del lato oscuro della forza? Non che sia la Boldrini che ha regalato 7.5 miliardi ai soliti noti?

  37. Gian Maria Volpicelli ha scritto:

    Insurrezionalisti. Con una z

  38. Giampiero Genovese ha scritto:

    Ehhhh??

  39. Trevisani Giuseppe ha scritto:

    Si del Lato oscuro del tuo sfintere!!!

  40. Luigi Babbetto ha scritto:

    A scemo ma chi seiiiii mov 5 stelle unico baluardo del popolo

  41. Piero Bazzoni ha scritto:

    Attacco alle istituzioni per recuperare voti per le Europee.

  42. Giancarlo De Luca ha scritto:

    lo sapevo ora diranno che è colpa di grillo se sono dei miserabili corrotti fino al midollo fosse per loro dovremmo stare tutti a 90 gradi ad assistere ad una deriva morale ed economica senza fine….se ne facessero una ragione la pacchia è finita!!

Lascia un commento