•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 febbraio, 2014

articolo scritto da:

I due volti del Messico di Peña Nieto

Dopo l’arresto di Dionisio Loya Plancarte, meglio noto come El Tío (“Lo Zio”), uno fra i più importanti boss del cartello della droga, durante la scorsa settimana le autorità del Messico hanno raggiunto un accordo con i gruppi di autodifesa che lottano contro i cartelli della droga. Secondo tale accordo, i vigilantes saranno “istituzionalizzati e integrati” temporaneamente nei Corpi di difesa rurale, sotto l’autorità del Ministero della Difesa.

Peña Nieto

Peña Nieto

I leader dei vigilantes dovranno consegnare alla Secretaría de la Defensa Nacional un elenco dei membri: dopo essere stati registrati presso le autorità, essi potranno mantenere le armi e riceveranno dalle forze armate “i mezzi necessari per le comunicazioni, operazioni e spostamenti”. Una soluzione che risolve parzialmente la rivalità fra le forze armate e i gruppi di autodifesa, ma è altrettanto insufficiente per migliorare l’immagine di un’intera classe dirigente che negli ultimi anni non ha rimediato a realizzare un’adeguata riforma delle forze armate.

Il governo messicano ne approfitterà, comunque, per ripristinare la propria immagine soprattutto a livello internazionale, al fine di sviluppare le proprie riforme neoliberiste. Nel frattempo, durante la scorsa settimana, a Cuba si è svolto il secondo vertice della CELAC (Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños), ovvero il più vasto organismo panamericano dopo l’Organizzazione degli Stati Americani (OAS) che raggruppa tutti i Paesi del continente ad eccezione di Stati Uniti e Canada.

In occasione del vertice, il Presidente del Messico Enrique Peña Nieto ha ricordato le principali sfide della CELAC, come la lotta contro la fame, la povertà e la diseguaglianza sociale, e ha sollecitato i rappresentanti degli altri Paesi a prestare maggior attenzione alla “produttività” in tali sfide. Egli ha fatto riferimento alle riforme approvate durante la sua amministrazione, che garantiranno al Messico una concreta crescita economica e un maggior sviluppo sociale.

Il Messico si pone su una “posizione di snodo” fra le diverse aree economiche del continente americano, ovvero fra gli Stati Uniti e l’America Latina, e proprio questa posizione potrebbe permettergli di ricoprire il ruolo di guida verso una maggiore integrazione commerciale ed economica per lo sviluppo di tutti popoli americani.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento