•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 febbraio, 2014

articolo scritto da:

No Tav, Grillo dal blog sulla richiesta di reclusione della Procura di Torino

No Tav, Grillo dal blog sulla richiesta di reclusione della Procura di Torino

No Tav, Grillo dal blog sulla richiesta di reclusione della Procura di Torino

Nove mesi di reclusione per Beppe Grillo. Sono quelli chiesti dalla Procura di Torino per l’affare ‘Tav’. Grillo, leggendo la richiesta di condanna, “violò i sigilli della baita No Tav”. Oggi Grillo risponde con video e post. Titolo quanto mai indicativo: “il sigillo inconsapevole #NoTAV”.

Il leader del Movimento 5 Stelle comincia con un appello di solidarietà alla Val di Susa, futura sede del Treno ad Alta Velocità. “sono più di 500 inquisiti”, sostiene Grillo, “tutti sotto processo per delle cose che io non riesco assolutamente a capire. Comunque io confido nella Giustizia. Sono calmo, sono sereno. Sono molto sereno. Non ho grossi problemi”. Poi arriva alla sua richiesta di condanna: “il PM ha chiesto nove mesi di reclusione perché io avrei rotto un sigillo ‘già portato via dal vento’, come scritto nella notifica”. Scherza: “era un sigillo che non c’era, un sigillo ‘inconsapevole’ ”. In verità Grillo, stando alle sue parole, aveva oltrepassato la linea indicata dal sigillo in quanto lo avevano “invitato in una baita dove mangiavano della polenta e io sono andato a mangiare la polentina. Però io sono tranquillo: nove mesi passano presto”.

No Tav, Grillo dal blog sulla richiesta di reclusione della Procura di Torino

Vicino alle istanze degli abitanti della valle più famosa (e calda) d’Italia, lancia la sua “solidarietà a Alberto Perino e a tutti i ragazzi della Val di Susa che devono risarcire un danno ipotetico di 215.000 euro, ne hanno già raccolto circa 100.000 e ne mancano altrettanti. C’è poco tempo e dobbiamo dargli una mano a risolvere questo problema”. A piè di pagina allega il numero di Conto Corrente dove inviare i soldi per le spese legali dei No Tav. Infine lancia un appello al paese intero: “la TAV è un problema che non riguarda solo la Val di Susa, ma tutta l’Italia e forse tutta l’Europa, ma noi siamo tranquilli! La Giustizia farà il suo corso e io sono calmo, perfetto e non mi agito assolutamente. Aiuta la Valle a resistere!

Daniele Errera





L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Davide Bolli
Davide Bolli

Ci deve essere qualche masochista nella magistratura....ci sono talmente tanti reati commessi da politici che fanno venire voglia di espatriare, e chi prova a combattere sta mafia, viene messo al gabbio...ma esiste qualcosa a cui aggrapparsi x vivere in Italia?

Alessandro Nizzoli
Alessandro Nizzoli

Bene, qualche milione in più di voti per il Movimento. Attendiamo il corso della giustizia ma i giovani piddini dovrebbero occuparsi più del Lusi che ruba 25 milioni e delle centiania di condannati e indagati del loro partito Spa.

Renato Borrelli
Renato Borrelli

ma lo avete visto il video ? Di quale reato parli ! Essere entrato in una costruzione abusiva (bisognava difendere un territorio vergine come quello della Val di Susa da speculatori che vorrebbero cementificare tutto). Solo che trattasi di baita in legno che si integrs perfettamente con il territorio fatta da gente che ama la propria terra e tutto intorno cemento e distruzione per il cantiere della TAV. Ma cosa avete davanti agli occhi per non rendervene conto!!!

Sergio Ciaramita
Sergio Ciaramita

Era ora che gli presentassero il conto al grullofascista seminatore di odio

Renato Borrelli
Renato Borrelli

Dobbiamo ribellarci a quest'uso politico della giustizia. Sia da parte di chi non avendo argomenti "POLITICI" SERI mette sotto accusa l'altro con richiesta di reclusione (vedi PD), e sia da parte di chi commette reati "veri" e usa la "politica" per difendersi. Basta Basta Tutti a casa

Stefano Spippola
Stefano Spippola

La legge dovrebbe essere uguale per tutti. Se ha commesso un reato si proceda come per tutti gli altri. E basta vittimismi, complotti, e i soliti discorsi alla berlusconi.