Emergenza profughi: l’estrema destra tedesca getta benzina sul fuoco

Emergenza profughi: l’estrema destra tedesca getta benzina sul fuoco In caso di emergenza alla polizia di confine dovrebbe essere consentito usare armi da fuoco contro gli immigrati. Questa pesante affermazione di Frauke Petry, leader del partito di estrema destra “Alternative für Deutschland” (AFD) infiamma lo scontro politico in Germania. Queste parole sono state rilasciate nei giorni scorsi durante un’intervista al giornale Mannehimer Morgen. Lei stessa afferma: “Nessun poliziotto vuole sparare agli immigrati. Questo non lo voglio nemmeno io. Però come estrema ratio non rimane che l’uso delle armi”. Sigmar Gabriel, vicecancelliere e leader dei socialdemocratici della SPD, si mostra sconcertato e ritiene doveroso che le autorità giudiziarie intervengano sul caso. E lancia un altro affondo contro l’estrema destra dichiarando: “In passato valeva qui in Germania una regola chiara: ai partiti che si fossero rivoltati contro l’ordinamento dello Stato, veniva loro impedito di utilizzare i mezzi televisivi per espandere la loro propaganda”. Emergenza profughi: le reazioni alle parole della Petry Per l’esponente dei Verdi (Grünen), Katrin Göring-Eckardt, “l’AFD mostra il suo volto di odio e dimostra di essere un partito profondamente razzista che discrimina e disprezza le persone”. Per il suo collega di partito Konstantin von Notz “l’AFD fornisce ai terroristi... View Article