pubblicato: sabato, 15 Dicembre, 2018

articolo scritto da:

Pensione sociale: arretrati assegno, quanto spetta. Come si calcola

Pensione sociale: arretrati spettano?

Pensione sociale: arretrati assegno, quanto spetta. Come si calcola

Assegno pensione sociale: come calcolare l’ importo


Pensione sociale: arretrati assegno, quanto spetta. Come si calcola

Assegno pensione sociale: come chiedere gli arretrati

La pensione sociale corrisponde a un assegno richiedibile da soggetti aventi i requisiti; più nello specifico da tutti quei soggetti che si trovano in difficoltà economiche; il cui reddito annuo non superi certe soglie previste dalla legge e aggiornate ogni anno. Invero, sarebbe sbagliato definirla pensione sociale, visto che dal 1° gennaio 1996 ha cambiato nome in assegno sociale. Come abbiamo visto sopra, l’assegno deve essere richiesto tramite apposita domanda. Ma che succede se la domanda si fa in un periodo successivo rispetto a quello di riferimento? Spettano gli arretrati? E se sì, come si calcolano?

Pensione sociale: assegno, novità 2018 e informazioni utili

Ci sono delle novità quest’anno relativamente all’assegno sociale. Sia per quanto riguarda i redditi, come ogni anno; sia per ciò che concerne l’anagrafica. Infatti a partire dall’anno 2018 bisogna essere più vecchi di 1 anno per accedere alla ex pensione sociale. Il nuovo requisito anagrafico si traduce in un’età di 66 anni e 7 mesi. Chi ha quest’età ma ancora non ha raggiunto i requisiti contributivi necessari potrà fare domanda di assegno sociale. Qualora la richiesta venisse accolta, il soggetto potrà beneficiare 453 euro per 13 mesi. Nel 2019 il requisito anagrafico si alzerà ancora, arrivando a 67 anni.

Un altro requisito importante da soddisfare per ottenere l’assegno della ex pensione sociale è quello reddituale. Che come abbiamo già detto viene aggiornato ogni anno. Per quanto riguarda il 2018, la soglia reddituale corrisponde a 11.788 euro per i pensionati non sposati; e di 5.889 euro per i pensionati che non sono coniugati.

Infine, si ricorda che nel calcolo dei redditi totali da inserire in domanda per il rispetto dei requisiti reddituali, non vanno inclusi alcuni elementi. Tra questi i TFR e relative anticipazioni; il valore della casa di abitazione; l’indennità di accompagnamento per invalidi civili, ciechi civili e sordi; gli arretrati relativi a lavoro da dipendente all’estero; vitalizio ai combattenti nella Prima Guerra Mondiale; le competenze arretrate soggette a tassazione separata.

LO SPECIALE SULLE PENSIONI A QUESTO LINK

Pensione sociale: domanda in ritardo, arretrati assegno spettano?

Qualora si raggiungano tutti i requisiti per richiedere l’assegno sociale in un dato anno, ma la domanda si fa l’anno dopo, spettano gli arretrati per i mesi non fruiti? La risposta è negativa. L’importo viene infatti erogato a partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della richiesta. Ciò significa che anche qualora la domanda si sia fatta (ad esempio) un anno più tardi rispetto al raggiungimento dei requisiti, previo sempre il rispetto di questi ultimi, si può fare comunque richiesta. Ma il trattamento inizierà a tutti gli effetti dal primo giorno del mese successivo e durerà per 13 mensilità. Quindi gli arretrati dei mesi non fruiti non spetteranno.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: