• 3
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 luglio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni Csm 2018: risultati spoglio e candidati eletti. Davigo primo

Elezioni Csm 2018 risultati spoglio e candidati eletti

Elezioni Csm 2018: risultati spoglio e candidati eletti. Davigo primo

Le previsioni sono state confermate: Piercamillo Davigo eletto consigliere del Consiglio Superiore della Magistratura. Al termine dello spoglio  per l’elezione della componente togata l’ex esponente di Magistratura Democratica e fondatore di Autonomia e indipendenza risulta il più votato con 2522 consensi. Lo scrutinio è partito dalla Cassazione: disponibili due posti. Dietro Davigo, quindi al secondo posto, c’è l’esponente della corrente di destra Magistratura Indipendente. Si tratta di Loredana Micciché, eletta con 1760 preferenze.

Elezioni Csm 2018: terzo e quarto posto

Dietro Davigo e Micciché. Terzo e quindi non eletto è Carmelo Celentano. Il candidato della corrente centrista Unicost raccoglie 1714 voti. Mentre è quarta nonché ultima Rita Sanlorenzo con 1528 voti. Quest’ultima è astigiana; entrata in magistratura nel giugno 1986 è da oltre vent’anni è giudice del lavoro. Con la sua candidatura ha rappresentato la corrente di sinistra Area. Oltre ai voti elencati ci sono anche 328 bianche e 156 schede nulle. Seguirà lo spoglio relativo ai pubblici ministeri dove sono quattro i consiglieri da eleggere.

Elezioni Csm 2018: scadenza mandato 2022

Il mandato scadrà nel 2022. Complessivamente saranno eletti 16 alti togati: 2 rappresenteranno i magistrati di legittimità (in pratica, i giudici della Cassazione); 4 i pubblici ministeri; infine, 10 la magistratura giudicante. Nel calendario degli appuntamenti c’è da segnare la data del 19 luglio. Cioè il giorno in cui le Camere si riuniranno per nominare i restanti 8 consiglieri ‘laici’ che entreranno a far parte di diritto dell’organo presieduto dal Capo dello Stato il primo giudice e il procuratore generale di Cassazione.

Elezioni Csm 2018: dichiarazione ministro Giustizia Bonafede

Da annotare la dichiarazione, prima dell’esito dello scrutinio, del ministro Alfonso Bonafede. Ecco le parole del ministro della Giustizia: ‘Nella scorsa legislatura persone degnissime hanno fatto un salto dal governo in carica direttamente al Csm, non si era mai visto. E anche su questo ci sarà ora discontinuità’. Il riferimento è al caso di Giovanni Legnini. ‘Una discontinuità – ha aggiunto Bonafede – da marcare anche rispetto a ‘sottosegretari del governo nella scorsa legislatura per caso intercettati mentre mandavano messaggi ai magistrati su cosa votare al Csm’.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da:

Newsletter

Ultime dal Blog