• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 18 agosto, 2018

articolo scritto da:

Legge 104: permessi e agevolazioni, ecco i lavori evitabili

Legge 104: permessi e agevolazioni, lavori evitabili

Legge 104: permessi e agevolazioni, ecco i lavori evitabili.

Permessi e agevolazioni Legge 104, lavori esclusi


Con la Legge 104 esistono dei lavori evitabili? Più che altro ci sono certi aspetti del lavoro che possono essere evitati, ma ristretti in un determinato campo. Tra permessi e agevolazioni, infatti, la Legge 104 dà un forte diritto decisionale ai soggetti disabili e ai familiari che assistono i soggetti con handicap. In tal senso, i principali benefici riguardano la scelta di poter non lavorare durante le ore notturne, oppure la sede di lavoro stessa. Aspetti più complessi, invece, non possono essere mutati. Ecco le informazioni utili sulla questione.

Legge 104: lavoro notturno, si può evitare?

Gli aventi diritto alle agevolazioni della Legge 104 possono evitare il lavoro notturno? In soccorso ci viene la Legge, che chiarisce alcuni aspetti. Si comincia così dal Decreto Legislativo n. 66/2003, e più precisamente all’articolo 11 (comma 2, lettera c). In cui si legge dapprima che “i contratti collettivi stabiliscono i requisiti dei lavoratori che possono essere esclusi dall’obbligo di effettuare lavoro notturno”. E in seguito che non sono obbligati a prestare lavoro notturno diversi soggetti che possiedano determinati requisiti. Tra questi spiccano “la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della Legge 104 e successive modificazioni”.

Con la Risoluzione del Ministero del Lavoro n. 4/2009 si è voluto chiarire cosa si intendesse per “a proprio carico”. Qui si legge che “i benefici in questione, ivi compresi quelli concernenti l’astensione dal lavoro notturno, vanno collegati a una effettiva assistenza da parte della lavoratrice e del lavoratore al soggetto disabile”. Da qui il bisogno di verificare la sussistenza dell’effettiva assistenza prestata al disabile. Infine, “si ritiene che l’individuazione del soggetto ammesso al beneficio vada ancorata ai già noti criteri della sistematicità e adeguatezza”. Pertanto, “solo il soggetto che risulti già godere dei benefici della Legge 104/92 o possederne i requisiti per goderne, secondo gli attuali criteri normativi e giurisprudenziali richiamati potrà richiedere l’esonero dalla prestazione dal lavoro notturno”.

104/92: bonus 1900 euro per assistenza. Circolare Inps a breve.

Legge 104: cambiare orario di lavoro è possibile?

Vi può essere il caso in cui un soggetto che assisti un familiare disabile debba far coincidere i propri orari lavorativi con quelli dell’assistente medico. E che quindi si trovi nella condizione di chiedere uno spostamento degli orari di lavoro. Ad esempio, nell’eventualità di un part-time o di un lavoro su turni. Purtroppo la normativa vigente non consente di modificare gli orari di lavoro o di scegliere i turni più comodi. Solo nel caso di lavoratore full time, è possibile chiedere la conversione del contratto in part-time.

Discorso diverso per quanto riguarda la sede lavorativa. A tal proposito bisogna far riferimento all’articolo 33 della Legge 104/92. E in particolare ai commi 5 e 6. In questi si evidenzia come il genitore, il familiare lavoratore che assistono la persona handicappata, nonché la persona maggiorenne con handicap in situazione di gravità hanno diritto a scegliere, laddove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio. Inoltre non possono essere trasferiti senza il proprio consenso ad altra sede.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: